Catalogo TOPEAK
Dipa abbigliamento

Amore e bici: gioia e passione alla Maratona Dles Dolomites Enel 2017

Alta Badia (Bz) – La prima bicicletta fu inventata dal barone von Sauerbronn il 12 giugno 1817 (senza pedali né freni), una sorta di mezzo a due ruote molto primitivo. Con gli anni è diventata uno sport appassionante e uno stile di vita, come quello di oggi  per i virtuosi della sostenibilità ambientale. Tutte componenti che domenica 2 luglio accumuneranno gli oltre 9.000 ciclisti provenienti da tutto il mondo. Amore (che è anche tema di questa edizione) per la bici e per le Dolomiti, che anch’esse hanno bisogno di essere amate come patrimonio meraviglioso.

Partenza alle 6.30 da La Villa (con arrivo a Corvara)  per la  31a edizione della Maratona dles Dolomites-Enel 2017, la regina delle Granfondo internazionali, 69 le diverse nazionalità dei partecipanti selezionati tra le oltre 33.000 richieste di adesione. E quest’anno saranno 3.500 i ciclisti, sul totale degli iscritti, al loro debutto lungo i percorsi della Maratona. Il sorteggio infatti fa sì che il cambiamento dei partecipanti sia continuo e dia la possibilità a nuovi ciclisti di conoscere l’Alta Badia e le Dolomiti.

La metà dei ciclisti è italiana, l’altra proviene da tutti i cinque continenti. Da Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Danimarca i paesi con più rappresentanti europei, mentre  Emirati Arabi, Thailandia, Cina, Costa Rica e Brasile, sono quelli con i ciclisti che arrivano da più lontano. Non mancano i nomi noti dello sport e di altri settori, a testimoniare come la Maratona dles Dolomites-Enel 2017 sia un evento di grande richiamo internazionale.

  • RAITRE: LA MARATONA SEMPRE IN DIRETTA TELEVISIVA

RAITRE seguirà in diretta la gara in una maratona televisiva che parte alle 6,15 per concludersi senza interruzioni alle 12,00.  Tre elicotteri e un aereo assicurano le riprese dall’alto, mentre fra tecnici e regia sono più di 50 gli uomini e le donne impegnati a garantire un servizio efficiente e di qualità. Lo studio televisivo, allestito nella zona d’arrivo a Corvara e che ospiterà personaggi noti del ciclismo e non solo, è il fulcro dal quale partono i contributi relativi al palinsesto della gara e alle riprese dello scenario incredibile in cui essa si svolge. I servizi allestiti da parte di RAI, Sky Sport e altre emittenti, rendono la rappresentazione televisiva di questa manifestazione un evento unico nel suo genere.

Anche nell’edizione 2017 della Maratona il supporto radiofonico è affidato a NBC Rete Regione, radio ufficiale dell’evento sportivo.

GCN (GLOBAL CYCLING NETWORK): La Maratona sul canale tematico di ciclismo più diffuso al mondo

Dall’anno scorso la Maratona dles Dolomites – Enel 2017 e l’Alta Badia, sono partner del canale Youtube “Global Cycling Network”, il canale tematico di ciclismo più diffuso al mondo e che conta oltre un milione di abbonati in tutto il mondo.

GCN sarà presente con una troupe tutta la settimana della Maratona e saranno diversi i collegamenti live dal Maratona Village e all’arrivo.

  • TRE I PERCORSI DI GARA CHIUSI AL TRAFFICO

Tre sono i percorsi collaudati da tempo che i ciclisti possono affrontare secondo aspirazioni e stato di forma.

Lungo, 138 km: La Villa, Corvara, passo Campolongo, Arabba, Passo Pordoi, bivio per passo Sella, passo Sella, Plan de Gralba, Passo Gardena, Corvara, passo Campolongo, Arabba, Colle Santa Lucia, Passo Giau, Pocol, passo Falzarego, passo Valparola, San Cassiano, La Villa, Corvara. Il punto più alto è costituito dal passaggio sul passo Pordoi a quota 2.249 m, il dislivello complessivo è di 4230 mt.

Medio, 106 km: La Villa, Corvara, passo Campolongo, Arabba, passo Pordoi, bivio per passo Sella, passo Sella, Plan de Gralba, passo Gardena, Corvara, passo Campolongo, Arabba, Pieve di Livinallongo, Cernadoi, passo Falzarego, passo Valparola, San Cassiano, La Villa, Corvara. Il dislivello è di 3130 mt.

Sella Ronda, 55 km: La Villa, Corvara, Passo Campolongo, Arabba, passo Pordoi, bivio per passo Sella, passo Sella, Plan de Gralba, passo Gardena, Corvara. Il dislivello è di 1780 mt.

  • NEL 2017 E’ L’AMORE A TRIONFARE

Come ogni anno il tema della 31a edizione della Maratona dles Dolomites-Enel 2017 è l’amore.

Perché l’amore è come andare in bici, ci vuole resilienza, perseveranza, cuore. Ci vuole testa per affrontare i sussulti dell’animo, così come i tornanti di una salita. Ci vuole ostinazione nella mente e spirito libero nel cuore. E rispetto della natura, umana e terrena.

E se in questo mondo davvero trionfasse l’amore, beh, avremmo un mondo stupendo come lo sono le nostre Dolomiti.

  • ALCUNI NUMERI IN TRENT’ANNI DI MARATONA

Sono 19 i vincitori nelle 30 edizioni passate, di cui 5 provenienti dall’estero.

Il record di presenze spetta a Rentergent Heiner con 28 partecipazioni.

In 30 anni di gara sono partiti 185.360 ciclisti, di cui 84.611 sono persone diverse.

Sono oltre 79.000 i ciclisti che in 13 anni di sorteggio hanno provato ad iscriversi senza successo.

Sono in aumento le richieste dall’estero, soprattutto dal Regno Unito e Paesi Bassi.

Il numero chiuso è un plus della Maratona. I 9.000 partecipanti infatti non sono l’unica limitazione, Visto il successo mediatico e di richieste anche i Tour Operator devono essere limitati con la richiesta che supera di gran lunga l’offerta. Lo stesso vale per i partner della manifestazione, limitati a 24 aziende.

  • CASTELLI E CARVICO, UN BINOMIO VINCENTE

Castelli e Carvico sono i partner tecnici ufficiali della Maratona dles Dolomites – Enel 2017. Castelli fornisce maglia e pantaloncini di altissima qualità, mentre Carvico propone il suo mitico gilet ottenuto da materiali riciclati. Le due aziende compiono un percorso parallelo che si basa sulla ricerca costante della performance e della perfezione.

La MARATHON JERSEY di Castelli è una maglia super leggera e altamente traspirante studiata appositamente per le tappe di montagna del Giro d’Italia e del Tour de France. Questa maglia è in tessuto in rete 3D sulla parte anteriore e sulle spalle per mantenere la maglia estremamente aerodinamica, leggera ed asciutta e la fascia
di sostegno intorno alla vita. per dare supporto alle tasche. 3D significa che questo tessuto non sta a diretto contatto con la pelle, così non vi si incolla, trasportando efficacemente fuori il sudore. Il colore dominante è il rosso e anche quest’anno è riproposta una versione al femminile, mentre la MARATHON JERSEY maschile, è fornita di una tasca “ecologica” in più per incoraggiare i ciclisti a non buttare gli incarti delle barrette energetiche o dei gel per terra.

Carvico ha creato per la 31a edizione della Maratona, e dopo il grandissimo successo ottenuto nel 2016, 10.000 gilet tecnici performanti in collaborazione con Castelli. Leggero, molto funzionale, versatile, confortevole e tecnico allo stesso tempo, ha una caratteristica unica: è stato realizzato con un tessuto a dir poco esclusivo ed emblematico, si chiama “New Maratona” ed è un prodotto fuori collezione, creato solo per la Maratona dles Dolomites – Enel 2017!

  • I VOLONTARI: SENZA DI LORO NON CI SAREBBE LA MARATONA

I volontari sono i veri protagonisti della corsa: un piccolo, grande esercito pacifico di quasi 1500 persone fra donne, uomini e giovani, che rende possibile una manifestazione prestigiosa come la Maratona dles Dolomites-Enel 2017. Senza il loro aiuto, il loro sostegno, la loro passione, che si rinnova di anno in anno, non ci sarebbe la Maratona. I volontari si occupano di tutto, dalla distribuzione dei pettorali alla gestione dei punti ristoro, dalla preparazione dei pacchi gara al coordinamento dell’area d’arrivo. Sono il fulcro centrale e indispensabile di tutto l’apparato organizzativo. E quando la corsa finisce e tutto si smantella, ecco che il giorno dopo la gara si fa festa grande tutti insieme. Un’enorme grigliata, con tanto di lotteria, è allestita per premiare gli sforzi di tutti: un evento nell’evento, un momento di festa e di gioia, da condividere pensando già all’edizione successiva. Perché lo spirito dei volontari è questo: darsi una mano e stare bene insieme.

  • L’AMORE ILLUSTRATO DI RICCARDO GUASCO

Il noto illustratore e artista Riccardo Guasco anche quest’anno collabora con la Maratona e interpreta con il suo inconfondibile stile, il tema dell’amore. Le sue opere saranno visibili nella comunicazione dell’evento ed in vari luoghi dell’Alta Badia.

  • BRADLEY WIGGINS, UN BARONETTO ALLA MARATONA

Sir Bradley Marc Wiggins non è solo uno dei ciclisti più famosi al mondo, un pistard eccezionale e recordman dell’ora. E’ anche un Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico,  e Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico e Knight Bachelor. Insomma, un baronetto in tutto e per tutto, che sarà al via della Maratona con il suo carisma di ciclista unico, conquistato con gli svariati successi tra cui il Tour e le medaglie d’oro olimpiche.

  • SOLIDARIETÁ CON LA DISABILITA’

Anche per questa edizione della Maratona, i progetti di beneficenza finanziati grazie alle iscrizioni solidali, sono affidati a tre associazioni: Assisport Alto Adige (www.sporthilfe.it) che sostiene veri talenti sportivi, ragazzi che non hanno la possibilità di finanziarsi le competizioni; associazione “Alex Zanardi Bimbingamba” (www.bimbingamba.com) che realizza protesi per i bambini che hanno subito amputazioni e che non possono usufruire dell’assistenza sanitaria; Associazione Gruppi “Insieme si può…” Onlus/ONG (www.365giorni.org) che sostiene un progetto legato alle persone con disabilità.              Nel 2016 le iscrizioni solidali hanno scelto loro: gli ultimi tra gli ultimi del mondo. Le persone disabili, in un paese poverissimo e ancora socialmente molto arretrato come l’Uganda. In centinaia di occhi che, sino a ieri, avevano conosciuto solo esclusione, sofferenza, sconfitta, si è riaccesa la luce.
Grazie ai proventi ricevuti sono stati realizzati: 33 interventi correttivi e 12 percorsi di screening per terapie specifiche ad altrettanti bambini disabili; 31 persone che per tutta la vita hanno strisciato a terra hanno ricevuto carrozzine e stampelle adeguate; 9 persone con disabilità sono state formate professionalmente; 5 famiglie con disabili sono state sostenute nell’avvio di attività per raggiungere l’autosufficienza economica. Inoltre, a sostegno di tre organizzazioni che offrono ospitalità a persone disabili abbandonate, si sono realizzati essenziali interventi alle strutture e si sono sostenute non solo le terapie, ma anche programmi di auto-sostentamento e mutuo aiuto.

  • GIUGNO IN BICI SULLE STRADE DELLE DOLOMITI

Pedalare sui passi dolomitici in piena libertà e senza l’assillo di auto e moto non è più un evento sporadico, ma un programma preciso di iniziative che stanno avendo sempre più successo e che danno la possibilità di vivere questo territorio sotto un’altra luce.

Il noto Sellaronda Bike Day che si è svolto domenica 25 giugno è stato preceduto domenica 18 giugno dal primo Dolomiti Bike Day che ha portato oltre 5.000 ciclisti lungo le strade del Campolongo, Falzarego e Valparola per l’occasione chiusi al traffico.

Rispetto al Sellaronda, il Dolomiti Bike Day ha avuto un taglio più familiare, con mamme e papà impegnati in bici con carrelli e all’interno i bambini. E poi moltissimi giovani e tantissime e-bike sul percorso, a riprova di come la bici elettrica stia cambiando non solo il modo di percorrere le strade, ma anche il modo di intendere il turismo. Un ottimo segnale per le Dolomiti, patrimonio dell’umanità. Le iniziative che prevedono la chiusura dei passi dolomitici al traffico continuano ovviamente con domenica 2 luglio in occasione della Maratona che registra solo per l’evento oltre 50.000 pernottamenti ed a cui segue un’importante novità: i mercoledì di luglio il passo Sella rimarrà chiuso al traffico. Si tratta di un primo progetto pilota che potrà aprire nuovi scenari per un turismo sempre più sostenibile nelle Dolomiti.

Ma ce n’è anche per gli amanti della mountain bike, soprattutto per coloro che non intendono fare troppa fatica. In Alta Badia è nato il servizio e-bike sharing, con mezzi di ultima generazione a disposizione nelle sette stazioni dislocate nei vari paesi e sull’altipiano, per vivere le emozioni e muoversi liberamente immersi nella natura. Il servizio di sharing permette infatti di partire da una delle stazioni e riconsegnare la bicicletta presso una postazione diversa. Da quest’anno Pinarello, partner ufficiale della Maratona dles Dolomites – Enel e del Consorzio Turistico Alta Badia, è il fornitore delle e-MTB.

  • GLI SPONSOR, L’ENERGIA PULITA DELLA MARATONA

Dopo aver compiuto trent’anni, la Maratona vanta una consapevolezza: per essere la corsa ciclistica non professionistica più importante d’Europa, bisogna credere e condividere dei valori concreti per continuare a crescere e migliorare. La Maratona non è solo una manifestazione ciclistica ma è anche ecologia, solidarietà, spettacolo, cultura, economia. E’ un evento che nel suo perpetuarsi, vive anche del sostegno di partner che condividono in pieno questa filosofia ed etica.

A partire da Enel, che è il title sponsor della manifestazione. Il rapporto instaurato da anni fra la più grande azienda elettrica d’Italia e la Maratona ha solide basi condivise. Lealtà, agonismo, passione e attenzione per l’ambiente, sono per entrambe parole vere, piene di significato concreto, alla base di un dialogo sempre in evoluzione, nel quale l’azienda guidata da Francesco Starace, avrà in futuro un ruolo sempre più importante, specialmente nell’ottica di un Alta Badia sempre più sostenibile.

I costi organizzativi della Maratona superano i 2,5 milioni di euro e la corsa stessa non potrebbe esistere senza l’aiuto degli sponsor. Per queste ragioni il comitato organizzatore sceglie con cura i propri partner che devono avere i requisiti idonei e coerenti allo spirito della manifestazione.

Castelli, Enervit, Selle Italia e Alto Adige/Südtirol sono da anni i principali sostenitori della corsa. In questa edizione c’è una novità: al punto ristoro Gardena verrà allestito il Segafredo Point che permette ai partecipanti di godersi un buonissimo caffè mentre ammirano il Sassolungo.

Nel dopo corsa sono le aziende Cantine Maschio e Rana ad offrire la prima una bottiglia di prosecco a tutti i partecipanti, la seconda a sfamare le migliaia di ciclisti con le sue specialità. In una gara in cui bisogna andare a tutta birra, ecco Warsteiner, uno dei partner storici della Maratona, protagonista nelle diverse tappe della manifestazione con una varietà di birre che renderanno più piacevole il ristoro di pubblico e corridori.

  • AUDI, MARATONA E ALTA BADIA

Saranno in parte elettriche le auto al servizio della Maratona. Più precisamente sarà Audi con le vetture E-Tron a dotare di un parco macchine pulito e silenzioso la manifestazione. L’accordo siglato tra Audi e Maratona fa parte di una collaborazione a più ampio respiro e che coinvolge il Consorzio Turistico Alta Badia, Skiworldcup Alta Badia, Skicarosello e Dolomiti Superski, a testimoniare come l’impegno di Audi vada oltre la Maratona e comprenda l’Alta Badia e le Dolomiti.

  • MARATONA VILLAGE

A partire dal giovedì sera San Leonardo ospita come di consueto il Maratona Village, il cui programma quest’anno riserva un’infinità di sorprese con sfilate di moda, giochi e laboratori di disegno per bambini, ruote della fortuna, salite in mongolfiera.

Un’altra novità importante è costituita dall’angolo gastronomico nel quale le aziende, fra cui Segafredo, Cantine Maschio, Rigamonti, Marlene, Conad e tante altre ancora, faranno gustare le loro prelibatezze.

Durante la tre giorni il Maratona Village è frequentato da personalità del mondo dello sport e non solo, che incontreranno i partecipanti e, perché no, si renderanno disponibili per qualche foto insieme.

Le aziende coinvolte sono 37, tra le quali spiccano i tradizionali sponsor tecnici come Selle Italia, Carvico, Technogym, Garmin, Pinarello, Castelli, Kask, affiancate da alcune realtà imprenditoriali nazionali e internazionali come Enel, Panaria, Alpiq, Mapei, Arcese, Intesa Sanpaolo Private Banking, Raiffeisen. Due sono i caschi personalizzati con il logo e colori della Maratona da Kask: il Mojito e il Protone, ultima novità dell’azienda.

  • DEDICATO AGLI ASPIRANTI CICLISTI

Altro appuntamento più che consolidato è la Maratona for Kids Sportful, gara riservata agli aspiranti ciclisti dai 6 ai 12 anni che si svolge il sabato, mentre il divertimento è assicurato da Arcese con spettacoli per grandi e piccini al Maratona Village e l’ormai celebre bilico all’arrivo trasformato in teatro che è un inno al divertimento senza freni. Infine Fabio Vettori, il famoso illustratore delle formiche, organizzerà dei laboratori di disegno al villaggio il venerdì e il sabato e sul bilico di Arcese la domenica. Sportful è da sempre vicina ai più piccoli ed anche in questa occasione regalerà a tutti i partecipanti una bellissima maglia da bici.

  • SERVIZIO SHUTTLE GRATUITO

Il traffico sostenibile in Alta Badia e nelle Dolomiti è da sempre un valore imprescindibile della Maratona e il servizio shuttle è uno strumento molto importante per alleggerire il traffico nei giorni che precedono la Maratona. Per questa ragione, in occasione del ritiro dei pettorali, è offerto un servizio di shuttle bus gratuito attivo venerdì 1 luglio dalle 14:00 alle 19:00 e sabato 2 luglio dalle 9:30 alle 18:00. I bus-navetta partono ogni 20-30 minuti dai paesi di Colfosco, Corvara, San Cassiano e La Villa e si fermano davanti a tutti gli uffici dell’associazione turistica.

  • DIAMO I NUMERI

La Maratona dles Dolomites – Enel è la manifestazione sportiva italiana più rappresentata a livello provinciale: sono 102 su un totale di 105. Il partecipante meno giovane è il francese Moncar Roger residente a Roma, nato il 25 settembre del 1935.

I volontari che come detto sono più di 1500 sono impegnati per oltre 23.000 ore di lavoro complessive.

I punti ristoro dislocati lungo il percorso sono sei e dispensano la bellezza di 2200 kg di banane, 500 kg di arance, 10500 panini imbottiti, 320 kg di formaggio, 290 kg di prosciutto cotto, 800 kg di torte e dolciumi, 4500 litri di Coca Cola, 9000 litri di acqua minerale, 1300 succhi di frutta, 10500 litri di sali minerali, 11.000 piatti di tortellini Rana e 8500 tra bistecche e salsicce.

Sei anche le destinazioni dell’Alta Badia (Colfosco, La Villa, Badia, S.Cassiano, La Val, Corvara) con 16.700 posti letto, 500 km di piste da sci, 52 impianti di risalita e 2 piste da fondo.

  • CHI C’E’

Un giorno da sportivi per i manager dell’imprenditoria italiana che questa volta, domenica 2 luglio, dovranno affrontare non una scalata a una società, ma alle Dolomiti più belle. In Alta Badia, accomunati dalla passione per la bici, ci saranno Francesco Starace, Amministratore Delegato di ENEL,

Carlo Tamburi, Direttore Country Italia di Enel

Rodolfo De Benedetti (CIR),

Mario Greco (AD Zürich),

Fausto Pinarello (Pinarello),

Matteo Arcese (Arcese),

Alberto Calcagno (Fastweb)

Emilio Mussini (Panaria Group)

Laura Colnaghi (Carvico)

Giovanni Bruno (Sky)

Alberto Sorbini (Enervit)

e tanti altri personaggi dello sport e non solo:

Bradley Wiggins

Paolo Bettini

Manfred e Manuela Mölgg,

Dorothea Wierer,

Davide Cassani,

Roberto Sgalla,

Pier Bergonzi,

Federico Pellegrino

DJ Linus,

Paolo Kessisoglu, Ex Le Iene

Matteo Piantedosi,

Enzo Ghigo, Presidente della Lega Professionisti di Ciclismo

e la pluricampionessa di casa Maria Canins.

Leave a Reply