L’Adriatico Cross Tour pronto ad infiammarsi con il Gran Premio Abmol ad Ancarano

I maggiori interpreti del ciclocross in seno all’Adriatico Cross Tour 2018-2019 sono pronti ad affrontare l’ultima fatica della stagione invernale delle ruote grasse: il palcoscenico sarà Ancarano domenica 20 gennaio con l’ultima prova (Gran Premio Abmol, regia organizzativa dell’Asd Abmol), inedita nella giovane storia del circuito ciclocrossistico di riferimento delle regioni Marche ed Abruzzo.

In pochi anni, l’Adriatico Cross Tour ha avuto la capacità di avvicinare al ciclocross e di mettere a confronto atleti di diverse società a carattere regionale ed extra-regionale specialmente in ambito giovanile e al contempo portare avanti nel migliore dei modi l’aspetto tecnico, sportivo e quello organizzativo delle società del territorio marchigiano ed abruzzese.

Questi i podi in ogni categoria con i relativi punteggi: Matteo Tullio (Pedale Teate – 172 punti), Mirco Persico (Pedale Rossoblù Picenum – 145) e Alessandro Venanzi (Team Cingolani – 129) tra i G6/esordienti 1°anno uomini, Francesca Sorgi (Team Di Federico – 236), Giulia Rinaldoni (Polisportiva Morrovallese – 213) e Giulia Cozzari (UC Petrignano – 91) tra le G6/esordienti 1°anno donne, Teodoro Torresi (Polisportiva Morrovallese – 240), Paolo Di Donato (Pedale Teate – 168) ed Edoardo Mastrolorenzi (Team Cingolani – 155) tra gli esordienti 2°anno uomini, Barbara Modesti (Bici Adventure Team – 211), Martina Parotto (Punto Bici Aprilia – 152) e Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli – 52) tra le esordienti 2°anno donne, Anthoni Silenzi (OP Bike Porto Sant’Elpidio – 188), Denis Tanushi (Progetto Ciclismo Piceno – 136) e Leonardo Calcabrini (Recanati Bike Team – 107) tra gli allievi uomini, Letizia Medori (Team Di Federico – 166), Erika Viglianti (Team Di Federico – 139) ed Eleonora Ciabocco (Team Di Federico Pink – 120) tra le allieve donne, Edoardo Crocesi (Capobianchi Cicli Moto Sport – 244), Giovanni Schiaroli (Cycling Team Fonte Collina – 198) ed Enrico Natali (Polisportiva Morrovallese – 139) tra gli juniores uomini, Pietro Pavoni (Team Co.Bo Pavoni – 175), Alessandro Cataldi (Biker Rock N’Road – 134) e Luca Ursino (Pro Bike Riding Team – 117) tra gli open uomini, Alice Palazzi (Bicifestival – 193), Giorgia Simoni (Bici Adventure – 176) e Martina Cozzari (Pro Cycling Team – 53) tra le open donne, Lorenzo Cionna (Team Cingolani – 202), Simone Riccobelli (Bikers Rock N’Road – 116) e Demis Corvatta (Pedale Civitanovese – 96) tra gli élite sport, Nicola Marchetti (Team Cycling Iachini – 221), Mattia Proietti (Velo Club Racing Assisi Bastia – 176) e Daniele Pallini (Team Go Fast – 166) tra i master 1, Emanuele Serrani (Pedale Aguglianese – 218), Giorgio Rossini (Crazy Bike – 130) e Daniele Moretti (Velo Club Bastia Assisi Racing – 127), Ezio Cameli (Bike Racing Team – 235), Francesco Leonori (Bici Adventure Team – 154) e Gianni Zanetti (Team Zanetti – 112) tra i master 3, Alberto Laloni (Abitacolo Sport Club – 224), Pierpaolo Pascucci (Bici Adventure Team – 186) e Rocco Valloscuro (AK Cycling Team – 150) tra i master 4, Luca Michettoni (Vibrata Bike – 172), Marco Gorietti (UC Petrignano – 155) e Paolo Carta (Foligno Freeride – 144) tra i master 5, Luigino D’Ambrosio (Uisp Teramo – 225), Alessio Olivi (Newteam Cingolani – 162) e Michele Luigi Rubeis (Ciclistica L’Aquila Angelo Picco – 143) tra i master 6, Graziano Malatesta (Team Go Fast – 231), Adamo Re (Bike Racing Team – 204) e Antonio Giardino (Ciclistica L’Aquila Angelo Picco – 178) tra i master 7 over, Roberta Polce (Ciclistica L’Aquila Angelo Picco – 262), Gisella Giacomozzi (New Pupilli Csi – 190) e Cinzia Zacconi (New Pupilli Uisp – 120).

CLASSIFICA SOCIETA’ A PARTECIPAZIONE

1° Bike Racing Team 76 punti

2° Ciclistica L’Aquila-Angelo Picco 61

3° Bici Adventure Team 59

4° Polisportiva Morrovallese 49

5° Pedale Teate 43

CLASSIFICA SOCIETA’ GIOVANILI A PARTECIPAZIONE (PREMIO SPECIALE CICLI GROUP MASSETANI)

1° Polisportiva Morrovallese 49 punti

2° Pedale Teate 43

3° OP Bike Porto Sant’Elpidio 38

4° Pedale Rossoblù Picenum 37

5° Bici Adventure Team 34

Click to comment

Toneatti in Coppa del Mondo, il team a Variano di Basiliano

Variano di Basiliano (Ud) si prepara all’invasione degli appassionati di ciclocross: domenica 20 gennaio, a partire dalle ore 9.30, infatti, si correrà sugli sterrati varianesi il 4° Gran Premio Friuli Venezia Giulia, prova finale del CX Triveneto 2018/2019 e del Trofeo Granzon valida anche quale campionato regionale friulano per l’assegnazione dei titoli maschili e femminili delle categorie Esordienti.

La gara di casa per la DP 66 Giant Selle Smp Rigoni di Asiago Paolo Leonardi Nuovi Investimenti sarà una vera festa di chiusura della stagione per gli atleti, le famiglie e i tanti tifosi del ciclocross. Non mancherà, nella gara riservata alle donne Under 23, la prima passerella tricolore per Sara Casasola a cui si aggiungeranno gli applausi per tutti i partecipanti ed in particolare per i giovani talenti diretti da Daniele Pontoni che si apprestano a chiudere una stagione ricca di successi culminata con la conquista del titolo italiano di società.

“Abbiamo allestito un percorso ancora più spettacolare rispetto agli anni scorsi per regalare ai tanti appassionati di questo sport un’altra bella giornata all’insegna del ciclocross più bello e genuino. Questa gara vuole essere una festa dedicata a tutti coloro che hanno lavorato nel corso della stagione per far si che la nostra società arrivasse a conquistare traguardi davvero prestigiosi” ha spiegato il due volte campione del mondo, Daniele Pontoni. “Spiace che l’unico assente sarà proprio Davide Toneatti che è stato convocato con la nazionale per la prova di Coppa del Mondo: Davide ha dimostrato di essere maturato molto in questa stagione e avrebbe meritato di potersi gustare il calore del pubblico di casa”.

Davide Toneatti, infatti, sarà l’unico atleta della DP 66 che non potrà essere ai nastri di partenza della gara di Variano di Basiliano: per lui è giunta la convocazione in azzurro per la penultima prova di Coppa del Mondo che si correrà sempre domenica a Pont-Chateau (Francia).

Questo il programma del 4° Gp Friuli Venezia Giulia:
ore 8.00 – Ritrovo – Colle S. Leonardo
ore 9.00 – Riunione Tecnica
ore 9.30 – Gara Esordienti maschile e femminile
ore 10.30 – Gara Allievi maschile e femminile
ore 11.30 – Gara Amatori Fascia 2
ore 12.30 – Corsa Promozionale Giovanile aperta a tutti
ore 13.40 – Gara Juniores maschile e Open femminile
ore 14.40 – Gara Open maschile e Amatori Fascia 1
ore 17.00 – Premiazioni finali Trofeo Triveneto

 

 

Click to comment

BMW Hero 2019: un welkome pack per celebrare la decima edizione

Sono 4.019 i pettorali destinati ad altrettanti partecipanti alla BMW HERO Südtirol Dolomites, la maratona di mountain bike più dura al mondo che sabato 15 giugno 2019 andrà in scena a Selva Val Gardena spegnendo le prime dieci candeline della sua ancor giovane storia. Un traguardo importante celebrato con un prezioso ‘Welcome Pack’ previsto per ogni iscritto. Al suo interno l’esclusiva jersey firmata GORE WEAR, partner della manifestazione fin dalla prima edizione, e la pratica pompa “Klic Hv” di Crankbrothers.
Si rinnova anche per il 2019 la partnership con BMW, riconfermato presenting sponsor della manifestazione.

Con gennaio è iniziato il countdown ufficiale all’edizione 2019 di BMW HERO Südtirol Dolomites, la maratona di mountain bike che, il rapporto tra lunghezza tracciato e dislivello totale, indica come la più dura al mondo, e che andrà in scena a Selva Val Gardena il 15 giugno 2019. Un’edizione importante che celebrerà non solo la mountain bike vissuta ai più alti livelli, ma anche il raggiungimento del decimo anniversario della manifestazione. Squadra che vince non si cambia e quindi riconfermati i due percorsi, di 86 e 60 chilometri con 4.500 e 3.200 metri di dislivello, dove l’esercito di 4.019 biker, tra cui i più importanti specialisti sulle distanze marathon, si sfideranno per essere gli “eroi” di questa speciale edizione.

Per ogni partecipante regolarmente iscritto è previsto un Welcome Pack, naturalmente in stile HERO.

Con BMW verso la decima edizione
Nell’anno della decima edizione si rinnova la partnership con BMW, presente anche nel 2019 nel ruolo di presenting sponsor alla BMW HERO Südtirol Dolomites, in occasione del raggiungimento di un traguardo così importante della manifestazione. Il marchio tedesco riconosce in questa gara gli stessi valori di sportività, perseveranza e rispetto dell’ambiente che lo contraddistinguono.

La maglia firmata GORE WEAR per gli Eroi e le Eroine HEROX
Immancabile il pacco gara (ma alla BMW HERO si chiama Welcome Pack) nell’inconfondibile shopper ‘HEROX’, che contiene la maglia race firmata da GORE WEAR, brand di riferimento per l’abbigliamento sportivo che fin dalla prima edizione è al fianco della manifestazione. A maniche corte e con zip integrale, la maglietta è in speciale tessuto che favorisce la traspirazione e la regolazione della temperatura corporea anche nelle giornate più calde. La grafica della T-shirt vuole celebrare la decima edizione della BMW HERO Südtirol Dolomites ed è, per il decimo anno consecutivo, firmata da Manuel Bottazzo, autore di tutto il visual della manifestazione. E, vista l’occasione dell’anniversario, è prevista una versione dedicata alle donne HERO in un femminile color rosa/fucsia.

Ripartire con la facilità di “Klic Hv” di Cranckbrothers
Ma non solo, nel welcome pack riservato a tutti gli iscritti della BMW HERO 2019 ci sarà anche la pratica e leggera pompa “Klic Hv” ideata dal marchio americano di accessori e componenti per la mountain bike Crankbrothers. Manuale, portatile, ad alta pressione, e con tubo magnetico nascosto, sarà perfetta in caso di foratura durante una pedalata con gli amici per riparare la ruota e tornare subito in sella. Naturalmente, anche la Klic Hv avrà grafica esclusiva HERO.

Click to comment

Abbonamenti in crescita per l’edizione 2019 dell’Abruzzo Mtb Cup

L’Abruzzo Mtb Cup riparte dallo slancio evidenziato nelle precedenti edizioni: quella di quest’anno sarà avvalorata dalla presenza in calendario del campionato italiano FCI Marathon abbinato alla Sirente Bike Marathon-Ana Aielli portando gli abbonamenti a toccare quota 150.

Sono otto manifestazioni in calendario nel 2019 che sono il risultato dell’impegno profuso dalle società del territorio in perfetta sintonia con il comitato regionale della Federciclismo Abruzzo e il settore fuoristrada regionale che patrocinano l’intero circuito.

Dall’inizio del nuovo anno, il costo per sottoscrivere l’abbonamento è di 160 euro (individuale) e di 200 euro (per squadra) fino al 31 marzo.

IL CALENDARIO 2019

– Moscufo 7 aprile: Granfondo Tour Degli Ulivi-Memorial Matteo Santucci (Asd Bikenergy)

– Sant’Eufemia a Majella 19 maggio: Granfondo Majella Morrone (Asd Functional Fit)

– Scanno 2 giugno: Marathon degli Stazzi (Mtb Scanno)

– Campo di Giove 9 giugno: Granfondo di Campo di Giove (Bike Shock Team)

– Castel del Monte 23 giugno: Marathon Castel del Monte (Bike Team Bucchianico)

– Aielli 30 giugno: Sirente Bike Marathon – Ana Aielli (Avezzano Mtb) campionato italiano FCI Marathon

– Pescasseroli 7 luglio: Granfondo Mtb del Parco Nazionale D’Abruzzo (AS Pescasseroli)

– Collarmele 22 Settembre: I Sentieri dei Lupi (Asd Collarmele Mtb)

 

Click to comment

Gran Premio Abmol: una settimana al via!

Se volete vivere in prima persona lo spettacolo del ciclocross ad Ancarano con il Gran Premio Abmol, basta segnarsi sull’agenda la data di domenica 20 gennaio, a coronamento dei grandi sforzi organizzativi profusi dall’Asd Abmol.

Nemmeno la neve caduta tra Capodanno e l’Epifania, oltre al freddo pungente di questi giorni, ha impedito i preparativi di questa manifestazione che sancisce la chiusura 2018-2019 del circuito Adriatico Cross Tour.

Il quartier generale della manifestazione è fissato presso gli impianti sportivi nelle cui vicinanze è stato allestito con grande cura il percorso che presenta un alternarsi di prato e sterrato, tratti in contropendenza e poco asfalto per uno sviluppo complessivo di 2500 metri.

Al termine delle gare, aperte alle categorie agonistiche ed amatoriali, gli organizzatori hanno previsto il pasta party per tutti i partecipanti ad accompagnare le premiazioni finali della tappa e del circuito e per l’occasione sarà possibile ritirare i premi non consegnati a Montesilvano.

Le iscrizioni sono sempre aperte e solo per le categorie amatoriali il costo è di 13 euro. Per i tesserati FCI sia agonisti che master è obbligatoria la preiscrizione tramite il sistema informatico federale (ID gara 147361) entro le ore 24:00 del 18 gennaio. Per i tesserati degli Enti di promozione invece la preiscrizione è consigliata e si potrà effettuare come sempre tramite il sito www.adriaticocrosstour.it ma per coloro che si iscriveranno sul posto la mattina della gara non avranno al miglior posto nella griglia di partenza.

Ancora Ancarano al centro dell’attenzione del ciclocross di Marche ed Abruzzo grazie all’Abmol Eventi e al supporto degli sponsor Sofer Carpenterie, Cascioli, Rent, Sirio, E.Ma. Impianti, Palomar, Victoria Giotti, Weishaupt, Istel Impianti e Valagro.

PROGRAMMA 20 GENNAIO

Ritrovo alle 7:30 ad Ancarano presso gli Impianti Sportivi in Via Fonte Monsignore

1° partenza alle 9:30 juniores, donne open, donne master, master 4-5-6 over (40 minuti)

2° partenza ore 10:20 esordienti e allievi M/F (30 minuti)

2° partenza bis alle 10:30 esordienti primo anno (20 minuti)

3° partenza alle 11:00 under 23, élite, élite sport, master 1-2-3 (60 minuti)

Click to comment

DP66 all’assalto del Tricolore

Il grande momento del Tricolore è arrivato. Sabato e domenica si correranno a Milano (zona Linate) all’Idroscalo di Milano i campionati italiani di ciclocross. E la DP 66 Giant Selle Smp Rigoni di Asiago Paolo Leonardi Nuovi Investimenti si sta preparando all’appuntamento che vale praticamente una stagione intera. Come aveva annunciato anche il direttore tecnico del team friulano, fresco vincitore del Campionato Italiano a squadre a Roma e di ben due maglie rosa al Giro d’Italia di Ciclocross, Daniele Pontoni: “Al tricolore all’Idroscalo andiamo da protagonisti. Abbiamo ben figurato in questa prima parte di stagione. Avessimo chiuso l’annata al 31 dicembre, già sarei rimasto assolutamente contento dei risultati ottenuti”. Impossibile eguagliare i record di Daniele Pontoni, che di titoli italiani da dilettante e da professionista, nel ciclocross, ne ha vinti ben dieci, ma i suoi ragazzi ascoltano sempre con attenzione i consigli dell’ex iridato.

“L’Idroscalo è un terreno che conosco come le mie tasche. E ci andiamo preparati, con  Davide Toneatti e Sara Casasola forti della vittoria della maglia rosa del Giro d’Italia di Ciclocross. E poi Asia Zontone, Gaia Santin e tutto il gruppo. Un gruppo davvero amalgamato per una stagione davvero da incorniciare. Soprattutto per aver portato in Friuli Venezia Giulia anche il titolo tricolore di Campioni Italiani a squadre di ciclocross”. L’appuntamento con i ragazzi del DP66 è concentrato su domenica quando correranno le donne esordienti, allieve, le donne open, gli junior e gli open uomini.

Click to comment

Grande prova del Team Bike Race Mountain Civitavecchia all’Ippodromo delle Capannelle

Il Team Bike Race Mountain Civitavecchia ha chiuso domenica il Giro d’Italia Ciclocross, uno dei principali appuntamenti della stagione invernale. La formazione di Civitavecchia si è schierata al gran completo nell’impianto dell’Ippodromo delle Capannelle, sia con i bambini che con gli adulti, e tutti sono riusciti a dare il massimo delle proprie possibilità. Il team Bike Race Mountain Civitavecchia porta a casa, alla fine del GIC, un ottimo nono posto assoluto nella classifica per società, chiudendo così nella top 10 insieme alle più importanti formazioni italiane di ciclocross.

La squadra arancio-fluo può esultare per il grande secondo posto in classifica generale di Aurora Pallagrosi nella categoria delle ragazze Esordienti. L’ottimo piazzamento è arrivato al termine di una stagione che ha visto questa ragazza sempre tra le principali protagoniste, proprio come è avvenuto anche domenica, quando ha chiuso la propria gara al terzo posto.

Nella medesima categoria ha ottenuto un risultato davvero molto buono anche Sara Tarallo, che per la prima volta nella propria carriera ha gareggiato tra le Esordienti. Nella classifica delle ragazze di primo anno ha ottenuto anche lei un bellissimo terzo posto.

Molto bene anche Daniele Peschi, che può esultare portando a casa la maglia rosa nella categoria degli ID-2. Anche per lui, la stagione invernale di ciclocross ha portato a delle belle esperienze e delle grandi soddisfazioni.

Ottiene il podio Francesco Massai nei G6, insieme alla top-5 di Mattia Deciano, quinto al traguardo, mentre Manuel Rescia è 12/o assoluto negli Esordienti e 10/o nella classifica dei secondo anno. Prova incoraggiante anche per Giordano Gigli, 17/o alla sua prima gara tra gli Esordienti di primo anno. In quest’ultima categoria, Diego Zevola e Daniele Mazzei ottengono un 30/o e un 31/o posto. Tra gli Allievi, Edoardo Di Luigi  è 14/o.

Il Team Bike Race Mountain Civitavecchia ha preso parte, con i propri bambini, anche alla gara promozionale per bambini che si è svolta sul circuito short track a loro riservato. Esordio assoluto in una gara di ciclismo per Aurora Borgna, che ottiene un primo posto tra i PG, così come Edoardo Perrone, che conquista un bel secondo posto in questa categoria.

Alessandro Tramontini, anch’egli all’esordio assoluto in una gara, vince tra i G1, mentre le altre due vittorie per la squadra di Civitavecchia arrivano grazie ad Andrea Tarallo e a Sara Di Meo, entrambi primi tra i G5, e a Chiara Massai, prima tra i G2. Gli altri piazzamenti: Niccolò Persone terzo tra i G2, Matteo Gigli quinto nei G3, Lorenzo Braconi quarto tra i G5.

Per ciò che riguarda i Master, ottengono la top 10 Vladimiro Tarallo, 7/o negli M3, e Tiziano Santini, 7/o negli M7. Questi gli altri risultati: Luigi Quintiero 11/o Elmt, Alessandro Massai 12/o M3, Marco Deciano 11/o M5, Gianluca Belli 19/o M4.

Il Team Bike Race Mountain Civitavecchia correrà sabato e domenica a Milano, al campionato italiano che si svolgerà all’Idroscalo. Sarà una prova molto importante, alla quale la squadra arriva agguerrita dopo il secondo posto ottenuto lo scorso anno da Aurora Pallagrosi e dopo le belle prestazioni fornite quest’anno sia da lei che da Sara Tarallo. Tutti i ragazzi e le ragazze avranno l’opportunità di svolgere, al di là del risultato, una grande e importante esperienza di crescita.

Click to comment

Debutto “ok” nel nuovo anno per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini

La Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini ha iniziato l’anno solare 2019 all’insegna delle soddisfazioni con una due giorni di grande impegno nel ciclocross sul territorio nazionale in proiezione di arrivare al massimo della forma ai campionati italiani FCI del prossimo fine settimana all’Idroscalo di Milano.

Il sabato antecedente all’Epifania, il team altolaziale è stato presente al Trofeo Città di Bibione con Michele Feltre, tra i migliori della gara valevole per il Triveneto Ciclocross disputata sulla spiaggia della cittadina balneare veneta e che ha concluso onorevolmente al terzo posto dei master di terza fascia over 54 e primo di categoria master 7. Forfait nella medesima gara per Gianfranco Mariuzzo causa un problema meccanico.

L’impegno di maggior rilievo è stato archiviato nel giorno della Befana a Roma in occasione della conclusione del Giro d’Italia Ciclocross all’Ippodromo Capannelle. Dentro l’impianto ippico capitolino, ottima performance del campione regionale FCI Lazio e provinciale FCI Roma in carica Vincenzo Scozzafava, primo tra i master 7. Ad ottenere il miglior risultato sono stati anche Daniele Tulin (6°M4), Mauro Gori (2°M6), Claudio Albanese (3°M6) e Luca Frenguellotti (18°M4), solo un ritiro per il master 5 Daniele Bagnoli.

In concomitanza con la gara capitolina, Gianfranco Mariuzzo si è distinto in Veneto a Ponte di Piave giungendo primo di categoria gentlemen 1 così come Michele Feltre nella sua categoria gentlemen 2.

Click to comment

Roma: la DP66 conquista il tricolore, Toneatti e Casasola in rosa!

E’ stata una giornata ricca di insidie quella vissuta quest’oggi all’ippodromo di Capannelle a Roma da tutto il Team DP66 Giant Selle SMP Rigoni di Asiago Paolo Leonardi Nuovi Investimenti. Nonostante tutto, però, i ragazzi diretti da Daniele Pontoni sono riusciti a centrare l’obiettivo del Campionato Italiano di società e hanno conquistato anche il successo finale nel Giro d’Italia Ciclocross nelle categorie juniores maschile e open femminile grazie a Davide Toneatti Sara Casasola.

La trasferta romana si è aperta con le medaglie d’argento di Gaia Santin nella gara riservata alle donne esordienti e di Alice Papo in quella delle donne allieve.

La sfortuna ha visto finire a terra a poche pedalate dal termine Davide Toneatti quando si trovava saldamente in testa alla prova degli juniores; il ragazzo leader della classifica generale è stato così costretto ad accontentarsi della ottava piazza, sopravanzato anche da un ottimo Daniel Cassol che ha chiuso al settimo posto.

Tra le donne juniores è arrivata l’importante affermazione di Asia Zontone mentre nella gara open femminile Sara Casasola ed Elena Leonardi hanno chiuso rispettivamente in quinta e ottava piazza. A completare la giornata, infine, è stato il sesto posto di Matteo Vidoninella gara maschile riservata agli open.

Soddisfazione ed entusiasmo al termine della prova romana per tutto il clan del neo-presidente Michele Bevilacqua che si è aggiudicato così il primo titolo di Campione Italiano del 2019: “Questa vittoria è il frutto del lavoro di tutta la squadra: gli atleti, lo staff, i partner tecnici e gli sponsor che ci sostengono hanno fatto si che la nostra squadra potesse conquistarsi il titolo di migliore d’Italia. E’ una soddisfazione incredibile, il miglior modo con cui potevamo iniziare il nuovo anno e la mia nuova avventura da presidente. Siamo felici di avercela fatta e di portare in Friuli uno scudetto che ci fa sognare in grande in vista dei Campionati Italiani che si correranno nel prossimo fine settimana all’Idroscalo di Milano” ha spiegato il numero uno del team DP 66.

Sorriso sulle labbra anche per Daniele Pontoni“Oggi non contavano i risultati dei singoli, puntavamo a portare a casa le due maglie rosa e il titolo a squadre e ce l’abbiamo fatta. E’ ovvio che la vittoria di Asia Zontone tra le donne junior ad una settimana dai Campionati Italiani è un segno di grande speranza; dispiace per la caduta che ha rallentato Davide Toneatti ma quello che conta è che non abbia riportato gravi conseguenze in modo da potersi presentare al cento per cento anche a Milano. Ringrazio tutti per aver dato il massimo e voglio dire un grazie speciale a tutto lo staff che non ha mai fatto mancare nulla a questi splendidi ragazzi”.

Click to comment

Incoronati i cavalieri rosa del Giro d’Italia Ciclocross

ROMA CAPITALE – Sulla fine terra battuta di Roma Capannelle è calato il sipario sul decimo Giro d’Italia Ciclocross nel ricordo di Romano Scotti, conclusosi con una cavalcata trionfare dei più grandi ciclocrossisti dello stivale, dalle categorie giovanili sino a quelle professionistiche.

Con la regia dell’ASD Romano Scotti, sotto gli auspici della Federazione Ciclistica Italiana (per la quale il Giro valeva anche come Campionato Italiano di società – vinto dalla ASD DP 66 Rigoni Selle SMP del pluri-iridato Daniele Pontoni) e con la collaborazione di Hippo Group Capannelle guidato da Elio Pautasso, 500 atleti si sono dati battaglia contendendosi gli ultimissimi punti per le 17 maglie rosa in palio. Grande la gioia in casa Scotti per l’ennesima sfida lanciata e vinta, una pietra miliare nel segno del dieci che segna la promozione a pieni voti del movimento crossistico italiano.

Disegnato interamente nel perimetro dell’ippodromo più famoso d’Italia, il percorso del decimo memorial Romano Scotti, tappa anche del circuito regionale Lazio Cross, si è presentato velocissimo, aggiungendo all’acqua, alla sabbia, alla montagna e al fango l’unico elemento ancora mancante, quello della velocità. Nessuna gara, quindi, è stata scontata, pur in assenza di fango e dislivello. Le condizioni del tracciato hanno costretto gli atleti a gare estremamente tattiche in cui a trionfare sono stati anche volti nuovi, capaci di far rendere al meglio strategia e gambe.

Tanti i nomi importanti al via, in fondo a meno di una settimana dai campionati italiani di Milano questa di Roma è stata una grande prova generale e, a vederci bene, tutti i podi e le maglie rosa non sono mai scontati né banali né sorprese eccessive: sono sempre i migliori che si giocano la vetta.

I verdetti del decimo Giro d’Italia Ciclocross

Società campione d’Italia di Ciclocross: ASD DP 66 RIGONI SMP (FRIULI V. G.)

Maglia Rosa Uomini Open: ANTONIO FOLCARELLI (Race Mountain Folcarelli)

Maglia Bianca Uomini Open: ANTONIO FOLCARELLI (Race Mountain Folcarelli)

Maglia Rosa Donne Open: SARA CASASOLA (ASD DP 66 Rigoni SMP)

Maglia Bianca Donne Open: GAIA REALINI (Vallerbike)

Maglia Rosa Juniores: DAVIDE TONEATTI (ASD DP 66 Rigoni SMP)

Maglia Rosa-verde-lime Allievi: ETTORE LOCONSOLO (Team Eurobike)

Maglia Rosa-verde-lime Donne Allieve: LUCIA BRAMATI (ASD Team Bramati)

Maglia Rosa-verde-lime Esordienti: ALESSANDRO MARIO DANTE (Cicli Fiorin)

Maglia Rosa-verde-lime Donne Esordienti: FEDERICA VENTURELLI (GS Cicli Fiorin)

Maglia Rosa-verde-lime Master Fascia 1 (under 45): GIOVANNI GATTI (Team Castello Bike)

Maglia Rosa-verde-lime Master Fascia 2 (over 45): MASSIMO FOLCARELLI (Race Mountain)

Maglia Rosa-verde-lime Master Women: ELIS SIMEONI (Sacilese Euro 90).

Ad essi sono da aggiungere i vincitori delle singole categorie amatoriali, premiati al termine del Giro con una maglia Rosa-verde-lime simbolica. Essi sono: Leonardo Caracciolo (ELMT – Centro Bike Terni), Diego Lavarda (M2 – Ciclismo Insieme), Luca Tigli (M3 – ASD Cicli Taddei), Luigi Carrer (M5 – Team Eurobike), Mario Quattrini (M6 – GS Pontino Sermoneta), Marco Valentini (M7 – Avis Amelia) e Carmelo Ursino (M8 – Cicli Montanini).

Le classifiche finali del decimo Giro d’Italia Ciclocross e del Campionato Italiano di Società. Tutta la giornata di gare può essere rivista dallo streaming di Youtube sulla pagina ufficiale dell’ASD Romano Scotti oppure si possono consultare le classifiche di gara.

L’ASD DP 66 Rigoni SMP è la nuova società campione d’Italia di Ciclocross. Per la prossima stagione potrà cucire lo scudetto sulle proprie maglie.

Sei ore di diretta integrale con la regia di Nazareno Balani e il commento tecnico di Carlo Gugliotta (messa in onda a cura di Stefano Masi)

CATEGORIE AMATORIALI – Alla partenza della prima gara di giornata il sole si riflette sul terreno duro dell’Ippodromo delle Capannelle: è infatti la brina ghiacciata ad accogliere i cicloamatori della prima fascia. Pronti via la maglia rosa di Massimo Folcarelli s’invola in una lunga cronometro solitaria, così che la gara vera avviene alle sue spalle con un drappello formato da Maurizio Carrer (team Eurobike), Marco Gorietti (UC Petrignano), Pierpaolo Pascucci (Bici Adventure team), Marco Fortunati (Bike Lab) e Paolo Innocenzi (UC Petrignano). A tentare la sorte il pugliese Carrer, che dopo essere stato ripreso ha giocato tutte le sue carte all’ultimo giro, precedendo Marco Gorietti, terzo in volata. Pesante l’assenza di Gianni Panzarini, che accende semaforo verde alla maglia rosa di Maurizio Carrer tra i Master 5. «Rivincere il Giro e farlo in casa è sempre un’emozione – confida Folcarelli – Capannelle è un percorso bellissimo, complimenti a tutta la famiglia Scotti e a tutta l’organizzazione, che porta questi eventi nella Capitale. Faccio un grande in bocca al lupo per il futuro».

Tra le donne si rinnova la sfida tra Elis Simeoni (Sacilese Euro 90) e la locale Sabrina Di Lorenzo (Di Lorenzo Bike), ma è la maglia rosa friulana ad imporre sin da subito l’andatura, rivendicando la vittoria finale. Terza Sara Battenti (Bike Lab). «È una bella emozione questa maglia rosa finale, anche perché quest’anno era uno degli obiettivi. A Lignano ho avuto un po’ di paura ed emozione nella gara di casa – confessa la giovanissima Simeoni – ma qui sulla terra battuta che mi ha regalato l’italiano un anno esatto fa sono davvero felice. Mi sento carica, questa gara mi dà una grande spinta per i campionati italiani di Milano, per i quali ho fatto un gran lavoro con il mio preparatore».

Sfida molto più serrata e incerta quella dei master fascia 1 (under 45), che per lungo tempo ha visto un sestetto al comando Thomas Felice (Jam’s Bike Buja), la maglia rosa Giovanni Gatti (Team Castello Bike), Matteo Donati (Bikeland), Mattia Zoccolanti (idem), Fabrizio Trovarelli (idem) e il tricolore Leonardo Caracciolo (Centro Bici Terni). Numerosi scatti e controscatti sono stati sempre puntualmente riassorbiti, compreso quello della maglia rosa. Particolarmente attivo in testa a tirare il friulano Felice, ma sino all’ultimo giro la situazione è rimasta invariata, una vera gara su strada con tanto di tattica e strategia. Con una poderosa sortita la maglia rosa Gatti evade dal gruppo, viene raggiunto sul controviale opposto all’arrivo ma imposta in testa lo sprint, precedendo Caracciolo e Trovarelli. «Una gara degli amatori così avvincente e incerta non la si vedeva da parecchio. Il percorso era molto veloce, quindi la gara è diventata molto tattica. Sarà così anche per gli open, sono pochi i punti in cui fare la differenza – spiega dettagliatamente Giovanni Gatti – Capannelle è un percorso bellissimo per chi pedala, ma anche per chi guarda. Questa maglia rosa è il coronamento di una stagione di cross molto buona, spero che mi porti bene domenica a Milano».

PROMOZIONALE G6 – Nella speciale gara dedicata ai giovanissimi appena transitati nella categoria G6 (12 anni), su una lunghezza di due giri, la vittoria è stata ad appannaggio di Filippo Cerasi (Amici della Bici Junior) e di Sara Petracca (Olimpia Valdarnese). Ottima come sempre la prestazione di Daniele Peschi, categoria speciale ID-2, fiero indossatore della malia Rosa ricevuta a Gallipoli dalle mani di Fausto Scotti.

ESORDIENTI – Gara estremamente tattica, caratterizzata a lungo da una interminabile fila indiana. Quasi la fotocopia della corsa che 364 giorni fa ha assegnato i tricolori: stessa dinamica, stessa disarmante incertezza sino alle ultime curve. Nel corso dell’ultimo passaggio è il toscano Biagi a provare un affondo, ma la sua azione si rivela un assist per il tricolore Anthony Montrone. Pugliese di Andria, il giovane pupillo di DS Luigi Tortora va a nozze in queste situazioni. Poderosa la sua sferzata sul controviale in sabbiolina, grintosa la sua vittoria che giunge dopo una stagione molto tribolata e altalenante. Alle sue spalle avvincente sprint vinto dal meritevole Nico Biagi (GS Borgonuovo) sulla maglia rosa Alessandro Mario Dante (GS Cicli Fiorin), sicuro detentore del simbolo del primato. «Stesso copione dell’anno scorso, è stato un percorso duro, lungo, questo era molto più corto ma ugualmente tecnico, perfettamente calato sulle mie caratteristiche – ha spiegato il vincitore Montrone – Ce l’ho messa tutta, sono stato in crescita in questo Giro, spero di fare bene anche a Milano». «Abbiamo interpretato la tappa cercando di stare davanti, poi ci sono stati vari attacchi e tentativi di fuga – gli fa eco la maglia rosa Dante – Questa maglia rosa vuol dire tanto, perché la desideravo».

Tra le ragazze splendida affermazione della maglia rosa Federica Venturelli (GS Cicli Fiorin), ancora una volta più veloce di molti ragazzi e seconda Gaia Santin (ASD DP 66) su Aurora Pallagrosi (Team Bike Race Mountain Civitavecchia). «Era proprio il mio percorso, mi sono divertita e ho dato il massimo – il parere col sorriso dell’alfiere Fiorin – Spero di mantenere la condizione sino a Milano».

Spettacolo e colpi di scena tra Allievi, Juniores e Open

ALLIEVI – Se la gara degli esordienti lo ha fatto intendere, quella per i ragazzi e ragazze di 15-16 anni lo ha confermato: a Capannelle, con l’asciutto, è affare per strateghi puri. Ben 25 il gruppo dei migliori al termine del primo giro, con tutti i favoriti nelle primissime posizioni. Plotone blindato, super controllato, con le squadre che si sono divise le tirate in testa: in fondo con queste condizioni stare a ruota è l’unico modo per rifiatare e con una maglia rosa in ballo c’è da andarci molto cauti.

Si è vista all’azione da un lato la corazzata Bramati (per la maglia rosa Solenne), dall’altra quella Eurobike (per il biscegliese Loconsolo). In mezzo, tutto solo, Lorenzo Masciarelli, che alla fine ha concluso onorevolmente terzo. Cosa si prova a combattere da solo con questi due colossi? «Loro lottavano per la maglia, è pur sempre una gara di cross, molto veloce, la squadra è importante ma non può fare la differenza più di tanto. Il risultato finale viene dal corridore stesso. La mia condizione è buona e ogni ho provato una buona sensazione pur avendo bucato il primo giro».

C’era soltanto un modo per vincere la maglia rosa in casa Eurobike: con un gioco di squadra impeccabile. È avvenuto tutto nell’ultimo giro e nello spazio di pochi secondi, si crea un vuoto, Solenne resta indietro e Loconsolo ne approfitta con una volata magistrale, salvo poi fermarsi dopo l’arrivo e contare gli avversari: per riuscire nell’impresa era necessario che Solenne arrivare almeno sesto, e così è stato. Il copione è lo stesso identico dello scorso anno, arrivo allo sprint nella classifica generale e ex-aequo. Lo racconta lo stesso Loconsolo, fresca maglia rosa strappata a Gioele Solenne dopo una rincorsa lunga una stagione: «Abbiamo vinto dopo una gara tiratissima, al limite della tensione. Avevamo previsto le posizioni con il gioco di squadra, con un percorso così veloce si rimane in gruppo. Questa maglia rosa l’ho inseguita in una stagione iniziata nel cuore di un tunnel, dal quale sono uscito circa a metà stagione». Al suo fianco molto più analitico Vittorio Carrer, secondo al traguardo e impeccabile scudiero: «All’inizio cercavamo di tenere gli avversari insieme per mandare in difficoltà Solenne, che aveva la maglia, cercando di tenere uniti anche i ragazzi del team. Strategia perfetta».

Tra le ragazze continua l’exploit di Eleonora Ciabocco (team Di Federico), che dopo diversi tentativi è riuscita ad evadere dal plotone, approfittando anche di una giornata no per la maglia rosa Lucia Bramati (matematicamente quasi al sicuro) e si è involata per la seconda vittoria al Giro 2018/2019. «Al primo giro ho cercato di fare la differenza – racconta – ma vedendo che eravamo in tante ho mollato un po’ per rifiatare e rilanciare più tardi». Seconda la friulana Alice Papo e terza un’ottima e inedita Erika Viglianti.

JUNIORES – Un insolito arrivo allo sprint premia un volto nuovo nei podi della corsa rosa, quello di Tommaso Bergagna (Jam’s Bike Team Buja), capace di battere un intenso Emanuele Huez (Merida) e Samuele Leone (KTM Alchemist).

«Una gara così tattica, terminata in volata, è rara nel cross – spiega Bergagna raccontando la sua prima affermazione in questo Giro d’Italia Ciclocross – Occorreva risparmiare più energie possibili, restare davanti. Oggi nessuno è riuscito a venir fuori, quindi l’incertezza regnava sovrana. Ho fatto il massimo per entrare nella curva e quando ho superato Leone ho capito di potercela fare». Fuori dal podio, e questa sì che è notizia, la maglia rosa di Davide Toneatti (ASD DP 66, “solo” ottavo), ma in fondo gli bastava la quindicesima posizione per garantirsi il simbolo del primato sulle spalle.

DONNE OPEN – Grande la gioia per Chiara Teocchi, già campionessa europea che difende i colori del Team Bianchi, vincitrice di spessore a Roma Capannelle: «È stata una gara mito dura, combattuta sin dalle prime battute, siamo rimaste un gruppetto di cinque e poi a tre dalla fine abbiamo aumentato io e Silvia (Persico, ndr), la gara si è decisa sul penultimo rettilineo, che ho imboccato in testa. È l mia prima vittoria 2019, sono felicissima, il cambio di categoria non mi pesa perché mi confronto con le open da parecchio. Il mio sogno è riuscire a fare bene alla rassegna tricolore imminente».

Gioisce anche Silvia Persico, la seconda arrivata, che ha dimostrato uno stato di forma niente male, in netta crescita da inizio stagione: «All’inizio siamo rimaste in 5, poi dopo verso metà gara volevo provare a dare battaglia in vista dei prossimi campionati italiani e ho tentato una sferzata. È riuscita, sul ultimo rettilineo ce la siamo giocata, ma Chiara è stata più furba e più forte». Grande la grinta per Gaia Realini, prima delle donne junior e sicura vincitrice della maglia bianca, mentre il terzo gradino assoluto del podio è stato calcato dalla toscana in quota Selle Italia Guerciotti Francesca Baroni, autrice di una volata magistrale sulla conterranea Alessia Bulleri (Merida Italia Team) dopo aver staccato la maglia rosa Sara Casasola (SD DP 66).

UOMINI OPEN – All’arrivo la vittoria è tutta per uno scatenato Jackob Dorigoni, l’altoatesino della Selle Italia Guerciotti in grado di distanziare la maglia rosa dello scorso anno Christian Cominelli (Cycling Cafè) e Nadir Colledani della Bianchi Countervail. Ci sono quasi tutti i portacolori del cross italiano, dal giovanissimo Stefano Sala all’esperto Stefano Capponi, ma a gioire più di tutti è il laziale Antonio Folcarelli, che mette al sicuro (7° assoluto) la maglia rosa e la maglia bianca. È lui il trionfatore nella categoria regina del decimo Giro d’Italia Ciclocross.

Click to comment

Marathon Bike Cup Specialized: raggiunta quota 200 abbonamenti

Torino – Quando grandi tradizioni diventano fonte d’ispirazione, si scrive una pagina di storia. La tradizione è quella dell’attività MTB in Piemonte che alcuni anni or sono è diventata ispirazione per un gruppo di appassionati che ha dato vita al circuito Marathon Bike Cup Specialized. La pagina di storia, quella della nuova edizione del circuito che ha chiuso la prima parte della campagna abbonamenti con ben 200 tagliandi sottoscritti che ne fanno il più importante e partecipato circuito del nord ovest d’Italia .

L’evento, articolato in cinque prove, riesce a coinvolgere anche bikers provenienti da Liguria e Lombardia. Tra le formazioni protagoniste della scorsa edizione e determinate a caratterizzare anche la nuova edizione del circuito spiccano il Pedale Leynicese con 30 abbonati, Master Team (20 abbonati), Sixs Boscaro con oltre 15 atleti abbonati, Alpina Bike Café (15 abbonati) e Bikest con 6 abbonati, oltre al Billy Team e al team Cicli Stroppa anche quest’ultimi con diverse adesioni.
Abbonati per non perdere l’occasione di vivere emozioni uniche.

Click to comment

A Roma Capannelle si infiamma la sfida tra i Master del Ciclocross – diretta streaming integrale

ROMA CAPANNELLE – Clima rigido come nelle migliori tradizioni del ciclocross nel mese di gennaio, ma con un grande sole nel cielo azzurro. È questo lo scenario che accoglierà gli atleti per la sesta e ultima tappa del decimo Giro d’Italia Ciclocross, il Memorial Romano Scotti, in programma sabato e domenica presso l’Ippodromo delle Capannelle. In queste ore i volontari e la famiglia dell’ASD Romano Scotti stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli per trasformare la più famosa arena ippica d’Italia in uno stadio naturale del ciclocross, che sarà teatro non solo della finale del Giro d’Italia valida anche come prova del Lazio Cross Gruppo Forte, anch’esso dedicato alla Memoria di romano Scotti e del contestuale short track promozionale per giovanissimi (realizzato in collaborazione con l’ASD Pedala che ti passa ciclismo Mentana).

NOVITÀ: TUTTE LE GARE IN STREAMING – Proprio in virtù di questa speciale conformazione dell’impianto gestito dalla Hippo Group, partner dell’evento, sarà possibile seguire in diretta streaming tutte le gare del Memorial Romano Scotti, sesta tappa del Giro. Come già avvenuto lo scorso anno per i campionati italiani, e dopo i successi riportati dai frammenti di dirette Facebook delle scorse gare, le immagini con la copertura integrale del percorso andranno in onda sui canali social dell’ASD Romano Scotti (Youtube e Facebook) con il commento di Carlo Gugliotta, vicedirettore della rivista In Bici Magazine e Stefano Masi (che cura anche la messa in onda). Regia affidata a un grande professionista, nome storico, pilastro del ciclismo televisivo e amico della famiglia Scotti: Nazareno Balani, che ha firmato tanti Giri d’Italia per la RAI, Radiotelevisione Italiana. Per l’occasione, meteo permettendo, la premiazione finale del Giro d’Italia Ciclocross è stata spostata sul podio delle gare, per far sì che tutto avvenga a favore di telecamere anche per chi segue da casa la rassegna rosa.

SPECIALE CLASSIFICHE MASTER – I fantini per eccellenza tra i cicloamatori, in questo decimo Giro d’Italia Ciclocross, sono stati senz’ombra di dubbio Massimo FolcarelliGiovanni Gatti e Elis Simeoni, autori di una autentica cavalcata trionfale che li ha condotti sulla terra battuta di Capannelle con il simbolo del primato ben saldo sulle loro spalle. Folcarelli guida la generale della fascia 2 con 12 punti di vantaggio su Gianni Panzarini e 18 su Luigi Carrer. Gatti, dal canto suo, con le 142 lunghezze precede di 20 punti esatti l’eterno sfidante Leonardo Caracciolo nella fascia 1 e la friulana Elis Simeoni ha sbaragliato le rivali e guida con 22 punti su Sabrina Di Lorenzo. Molto più staccata Tamara Fabbian.

Ma al termine del Giro d’Italia Ciclocross non saranno assegnate solo le maglie rosa-lime-fluo ai vincitori di fascia: ogni leader di categoria, se presente in loco dopo la gara di Capannelle, indosserà il simbolo del primato. Andiamo quindi a sbirciare quale è la situazione nei singoli raggruppamenti da ELMT a M8. Nella categoria da 19 a 29 anni è Leonardo Caracciolo in testa con 150 punti, seguito da Jacopo Camilli e Francesco Acquaviva. Se l’affare per la vittoria finale può dirsi concluso, tutt’altro è quello per le posizioni di rincalzo, con Camilli e Acquaviva separati da soli due punti (65 a 63) e un arrembante Flavio Vogrig nelle immediate vicinanze (52).

Ben diversa la situazione tra i Master 2 (34-39 anni): la maglia rosa è qui contesa per soli due punti tra Diego Lavarda (62) e Simone Cusin (60). Marco Del Missier insegue, guardingo, a 8 lunghezze di distacco. Se c’è chi sè la gioca per poco, c’è anche chi vuole la suspense sino alla fine e non molla l’osso nemmeno in ex-aequo, come fanno Vladimiro Tarallo e Luca Tigli, in coabitazione a 87 punti in cima alla classifica dei Master 3 (40-44 anni). La loro sfida sarà interessantissima, un lunghissimo sprint finale, della quale Ernesto Angelini, terzo a 52 punti, potrà essere solo uno spettatore non pagante. Si presenta infiammata, d’altro canto, la situazione tra i Master 5 (50-54 anni). Non c’è dubbio che Luigi Carrer vorrà sfidare a singolar tenzone il tricolore Gianni Panzarini per recuperare i 10 punti di distacco (116 a 126), ma quale sarà il ruolo del terzo incomodo Gianfranco Mariuzzo? Il laziale, sebbene fuori dai giochi per due gare in meno (82 punti), quando presente ha dato filo da torcere ai due rivali, mettendo le sue ruote avanti alle loro per ben due volte.
Giochi già fatti nella M6 (55-59 anni), con Mario Quattrini saldamente in rosa (116) e Giuseppe Dal Grande a una distanza di sicurezza da Severino Della Libera per difendere il suo argento (60 a 39). Stallo alla messicana, invece, tra gli esperti biker della M7 (60-64 anni): in 8 punti abbiamo quattro corridori. Guida Michele Feltre (60), incalzato da Marco Valentini (57) mentre a breve distanza sono in agguato Luciano Quintarelli e Massimo Toffolutti (entrambi a 52). Super prestazione, tra i Master 8 (over 65) per il sempreverde CarmeloUrsino, mattatore assoluto con 142 lunghezze, quasi a punteggio pieno.

Non abbiamo certo dimenticato la M1 e la M4, i cui leader sono, naturalmente, rispettivamente Giovanni Gatti e Massimo Folcarelli. Nella M1 i giochi per il podio sono tutti ad appannaggio di Adriano Luciano e Stefano Lisi, separati da un solo punticino (64 a 63), ma chissà che Fabrizio Trovarelli (56) non ci metta lo zampino! Lo stesso non può dirsi tra gli M4, con le posizioni ben cadenzate: Folcarelli è seguito da Pierpaolo Pascucci (93) e Alberto Laloni (67), l’unico che dovrà blandamente guardarsi da Alessandro Rescia (54).

Complessivamente sono 289 i Master con almeno un punto in tutte le speciali classifiche, un interessante spaccato del movimento cicloamatoriale italiano in seno al ciclocross, a cui va aggiunta una stima del 30% di atleti che non hanno conseguito punteggio, specialmente nelle categorie M3, M4 ed M5, le più popolose e le più agguerrite in assoluto. Un risultato lusinghiero per il Giro d’Italia Ciclocross, che da sempre è strutturato per la crescita delle categorie agonistiche, ma che non disdegna quelle amatoriali, composte da amanti del ciclismo che lavorano spesso dietro le quinte e che fanno da substrato agli agonisti, spesso accompagnandoli in corsa. Maglie rosa anche per loro, dunque! Tutte meritatissime.

Le classifiche di categoria Master

Click to comment

La Sirente Bike Marathon 2019 “Tricolore” inaugura il sito internet

Con l’arrivo del nuovo anno, Aielli scalda i motori e per gli appassionati delle ruote grasse è tempo di proiettarsi finalmente sulla terza edizione della Sirente Bike Marathon a cura dell’Avezzano Mtb e del Gruppo Alpini Aielli.

Alla luce della ricollocazione nel calendario internazionale del Campionato Europeo Marathon da parte della UEC (Unione Europea del Ciclismo), il Tricolore Marathon FCI ritorna alla data originaria del 30 giugno.

È già attivo in tutta la grafica e con ampi contenuti informativi il sito internet di riferimento della manifestazione: www.sirentebikemarathon.it .

Il sito è il mezzo più comodo che permette un’interconnessione continua e costante tra gli atleti e gli organizzatori dove conoscere in maniera molto approfondita e completa l’ABC dell’evento: il programma generale, la mappa del villaggio, il regolamento, le news, i percorsi marathon e point to point nel dettaglio, le modalità di iscrizione e tutta la logistica (area team, expo e camper).

Click to comment

Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini: due titoli provinciali FCI Roma nel cross all’attivo con Borgi e Scozzafava

L’anno solare 2018 della Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini si è chiuso con gran belle soddisfazioni nel ciclocross in più zone d’Italia a conferma della grande competitività di ciascun componente della squadra altolaziale del presidente Stefano Carnesecchi.

L’impegno di maggior rilievo è stato onorato nella vicinissima Civitavecchia in occasione della penultima prova del circuito Lazio Cross-Trofeo Romano Scotti. Ad ottenere il miglior risultato Daniele Tulin (2°M4), Lorenzo Borgi (2°M6), Mauro Gori (3°M6), Angelo Ciancarini (4°M6), Vincenzo Scozzafava (2°M7), Claudio Albanese (6°M6), Luca Frenguellotti (19°M4) e Daniele Bagnoli (14°M5). A Borgi e Scozzafava i titoli provinciali FCI Roma rispettivamente per le categorie master 6 e 7.

Rientro positivo alle gare in Veneto per Gianfranco Mariuzzo, fermo ai box per un mese intero a causa di una contrattura muscolare patita alla gara internazionale di Brugherio: la vittoria a San Fior (primo nella fascia amatoriale 2/over 45 e di categoria master 5 al Trofeo Comune di San Fior) e il piazzamento a Scorzè (quarto tra i master over 45 e di nuovo primo di categoria master 5 al Trofeo Cartoveneta) hanno consentito al biker di Musile di Piave di ritrovare subito la piena forma e la carica ottimale in vista del campionato italiano all’Idroscalo di Milano saltando, giocoforza, il Giro d’Italia Cross in quanto lontano dalle zone alte della classifica.

In Puglia si è corso a Pezze di Greco il Memorial Vito Carparelli-Livia Gentile con la partecipazione di Domenico Abruzzese (Terzo tra gli élite) e Michele Diaferia (quarto tra gli élite sport). Quella pugliese è stata ufficialmente l’ultima gara in maglia verde-fluo per i due bikers di Corato che hanno ringraziato il presidente Stefano Carnesecchi per le quattro stagioni consecutive trascorse con il team altolaziale, portando il nome di Santa Marinella tra le manifestazioni di ciclismo fuoristrada più rappresentative del Sud Italia.

Click to comment

Memorial Vito Carparelli-Livia Gentile: “ciclocross-show” a Pezze di Greco

A Pezze di Greco, il Memorial Vito Carparelli-Livia Gentile rimane una delle corse di ciclocross più affascinanti e prestigiose della Puglia e del Sud Italia: anche nel giorno dell’antivigilia di Capodanno, la risposta dei partecipanti (circa 150 al via) è stata eccezionale, ripagando in pieno gli sforzi dell’Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano nell’evento che ha assegnato i titoli regionali FCI Puglia e chiuso ufficialmente il Challenge Ciclocross Puglia.

Ulivi secolari, carrube, mandorle, muretti a secco, macchia mediterranea, ondulazioni, scalinate, ostacoli naturali e artificiali: queste le caratteristiche salienti del percorso tecnico e suggestivo di circa 3000 metri che presentava il solito gran colpo d’occhio grazie alla fantasia e all’esperienza di Pietro Laghezza e Giuseppe Potenza, nelle vesti di realizzatori dell’ormai noto tracciato che ha ospitato nel 2015 un’edizione di successo dei campionati italiani.

Tra le vittorie e i piazzamenti di rilievo nella top-5 delle batterie agonistiche Daniele De Feudis (Ludobike Scuola di Ciclismo), Carmine Lauria (Team Bykers Viggiano), Fabrizio Laino (Ciclo Team Valnoce), Leonardo Fornarini (Team Bikecenter Potenza) e Marco Ragnatela (Velosprint Barletta) tra i G6, il campione italiano Anthony Montrone (Andria Bike), Gabriel Mileo (Team Bykers Viggiano), Antonio Bassi (Team Eurobike), Carlo Pistillo (Andria Bike) e Simone Geronimo (Andria Bike) tra gli esordienti, il campione italiano Ettore Loconsolo (Team Eurobike), Vittorio Carrer (Team Eurobike), Ivan Carrer (Team Eurobike), Alessandro Ricchiuti (Team Eurobike), Fabio Di Stefano (Team Eurobike), tra gli allievi, Alssandro Verre (Cps Professional Team), Daniele Pugliese (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano), Lorenzo De Rinaldis (Kalos), Angelo Tagliente (Ludobike Scuola di Ciclismo) e Simone Tarantini (Salis Bike) tra gli juniores, Leonardo Santeramo (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro), Domenico Chiarelli (Ciclo Team Valnoce) e Domenico Abruzzese (Mtb Santa Marinella Cicli Montanini) tra gli élite, Donatello Viola (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro), Salvatore Tarantino (Scuola di Ciclismo Tugliese Salentino Vincenzo Nibali), Mattia Germinario (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro) e Jacopo Capurso (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro) tra gli under 23.

Con grande energia e determinazione, si sono distinte in ambito femminile Sara Tedone (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro) e Jennifer Maria Fosco (Mtb Casarano) tra le G6, Rebecca Lobascio (Talos Ruvo di Puglia) e Aurora Immacolata Falabella (Ciclo Team Valnoce) tra le esordienti, Ilaria Scarpa (Ludobike Scuola di Ciclismo), Rebecca Angiulo (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro), Benedetta Calcagnile (Kalos), Adelaide Preziosa (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro) e Simona Sasso (Ludobike Scuola di Ciclismo) tra le allieve, Chiara Mazziotta (Team Bykers Viggiano) e Alessia Scarpa (Ludobike Scuola di Ciclismo) tra le juniores, Zeila Ruggiero (Nardelli Sport Total Bike) tra le master, Alessia Gaudioso (Ciclo Team Valnoce) e Miriam Negro (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino) tra le élite.

Nella fascia amatoriale 1/under 45 ottime performances per Roberto Semeraro (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano), Francesco Acquaviva (Btwin Racing Team Decathlon Italia), Giuseppe Todisco (Cyclon-Store.it), Michele Diaferia (Mtb Santa Marinella Cicli Montanini) e Gino Masino (Team Bykers Viggiano) tra gli élite sport, Adriano Luciano (Cavaliere Bici Cps), Giovanni Garzia (Scuola di Ciclismo Tugliese Salentino Vincenzo Nibali) e Raffaele Rizzi (Maremonti) tra i master 1, Giuseppe Belgiovine (Team Eurobike), Francesco Nardelli (Nardelli Sport Total Bike), Andrea Demola (Asd Narducci Team Edil Luigi Cofano), Gianluca Politano (Asd Sport Bike) e Leonardo Potenza (Asd Narducci Team Edil Luigi Cofano) tra i master 2, Ivan Fanelli (Team Focus Fanelli), Marino Carrer (Team Eurobike), Ernesto Angelini (Asd Narducci Team Edil Luigi Cofano), Carlo Saracino (Cycling Team Cafè Racing Team) e Alessandro Russo (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino) tra i master 3.

Tra i master di seconda fascia/over 45 in gran spolvero Raffaele Pietanza (Salis Bike), Salvatore Maffei (Losacco Magaletti Bike), Pietro Laghezza (Asd Narducci Team Edil Luigi Cofano), Salvatore Sicuro (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino) e Fortunato Grotta (Team Murgia Bike Santeramo) tra i master 4, Biagio Palmisano (Asd Narducci Team Edil Luigi Cofano), Maurizio Carrer (Team Eurobike), Francesco Masullo (Movicoast Sport e Turismo), Vito Sante Sgobba (Team Eurobike) e Raffaele Di Marino (Movicoast Sport e Turismo) tra i master 5, Domenico Carparelli (Nrg Bike), Antonio Centonze (Kalos), Antonio Lorusso (Chialà Cycling Team Locorotondo), Pasquale Marino (Heraclea Bike Marino Bici) e Aurelio D’Aquino (Individuale) tra i master 6, Andrea Latrofa (Asd Energy Mtb) tra i master 8, Ferdinando Panagrosso (Pitstop Team Cicloo), Vittorio Piccoli (Team Bike Martina Franca) e Giuseppe Lazzazzara (Fausto Coppi Acquaviva) tra i master 7.

Soddisfatti tutti i partecipanti e gli addetti ai lavori del ciclocross pugliese, segno che il gradimento attorno al Memorial Vito Carparelli-Livia Gentile è stato ancora crescente.

Classifiche complete al link

Sintesi video (Osservatorio Oggi) al link

 

I CAMPIONI REGIONALI FCI PUGLIA CICLOCROSS 2018-2019

Esordienti uomini: Anthony Montrone (Andria Bike)

Esordienti donne: Rebecca Lobascio (Asd Talos Ruvo di Puglia)

Allievi uomini primo anno: Ivan Carrer (Team Eurobike)

Allievi uomini secondo anno: Ettore Loconsolo (Team Eurobike)

Allieve donne primo anno: Rebecca Angiulo (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro)

Allieve donne secondo anno: Ilaria Scarpa (Scuola di Ciclismo Ludobike)

Juniores uomini: Daniele Pugliese (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano)

Juniores donne: Alessia Scarpa (Scuola di Ciclismo Ludobike)

Under 23 uomini: Salvatore Tarantino (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino)

Elite uomini: Leonardo Santeramo (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro)

Open donne: Miriam Negro (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino)

Master Donna: Zeila Ruggiero (Nardelli Sport Total Bike)

Elite Sport: Roberto Semeraro (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano)

Master 1: Giovanni Garzia (Scuola di Ciclismo Tugliese Salentino Vincenzo Nibali)

Master 2: Giuseppe Belgiovine (Team Eurobike)

Master 3: Marino Carrer (Team Eurobike)

Master 4: Raffaele Pietanza (Mtb San Pietro-Salis Bike)

Master 5: Biagio Palmisano (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano)

Master 6: Domenico Carparelli (Nrg Bike)

Master 7 over: Vittorio Martino (Team Bike Martina Franca)

Società prima classificata: Team Eurobike

 

I VINCITORI DEL CHALLENGE CICLOCROSS PUGLIA 2018-2019

Esordienti uomini: Anthony Montrone (Andria Bike)

Esordienti donne: Rebecca Lobascio (Asd Talos Ruvo di Puglia)

Allievi uomini: Ettore Loconsolo (Team Eurobike)

Allieve donne: Benedetta Calcagnile (Kalos)

Juniores uomini: Daniele Pugliese (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano)

Juniores donne: Alessia Scarpa (Scuola di Ciclismo Ludobike)

Open uomini: Leonardo Santeramo (Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro)

Open donne: Miriam Negro (Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali Tugliese Salentino)

Master Donna: Zeila Ruggiero (Nardelli Sport Total Bike)

Master prima fascia/under 45: Giuseppe Belgiovine (Team Eurobike)

Master seconda fascia/over 45: Maurizio Carrer (Team Eurobike)

Master terza fascia/over 54: Antonio Centonze (Kalos)

Click to comment

La festa di Moncrivello aspettando il capodanno

Carmine Catizzone ci racconta la gara di Moncrivello svoltasi domenica 30 dicembre

Moncrivello (Vercelli) – Percorsi molto belli, atleti molto preparati e la passione più coinvolgente per una disciplina come il ciclocross in continua ascesa e tutte queste componenti diventano un mix vincente per un circuito prestigioso come il Master Palzola che di fatto è fra i più seguiti in assoluto.

Per l’ultima gara dell’anno ci siamo portati a Moncrivello un ridente paesino da cui si può ammirare uno splendido il Castello, la cui storia è particolarmente legata ad alcune nobildonne divenute spose dei duchi di Savoia. Proprio attorno al laghetto di Moncrivello, Luciano Aimaro, ha predisposto l’interessantissimo percorso che è l’ideale per chi aveva bisogno di rodare la gamba in vista dei campionati regionali e nazionali.

In cabina di regia ancora il Pedale Pazzo, un team piccolo ma laboriosissimo con la vocazione per il fuoristrada che vede in Gianni Riconda il suo profeta. Sul fronte gare abbiamo assistito ad alcune vittorie entusiasmanti come quella del veterano 1 Ivano Favaro che, partendo dal secondo box con un handicap di 30 secondi, si porta in testa solitario e conduce il resto della gara con la sicurezza di chi sa quanto vale e lancia il guanto di sfida a chi lotterà per il tricolore.

Da libro Cuore la vittoria dell’altro veterano, che risponde al nome di Giuseppe Ballini, il quale parte con un chiodo fisso in testa: vincere per una dedica speciale al suocero Battista che proprio il giorno prima è deceduto. Commovente il suo arrivo in parata con il figlio che una volta liberatosi dei suoi amici avversari junior Violi e Moisello, ha aspettato il padre per arrivare abbracciati e col dito che indicava il Cielo dal quale Nonno Battista ha sicuramente apprezzato.

Due amatori e un solo obbiettivo: dare una pesante svolta alle loro storie a pedali. Questa in buona sintesi la gara dello specialista delle Gran Fondo Riccardo Acuto e l’ex tricolore Silvano Migliorin della numerosa categoria gentleman 2. Alla fine vince Acuto in virtù di un allungo portato al penultimo giro, mentre Silvano Migliorin esce comunque a testa alta da una entusiasmante gara.

Senza storia l’altra sfida, quella della categoria gentleman 1 dove il padre padrone è sempre Angelino Borino che più che con gli avversari ha lottato con la … catena caduta ben due volte ma non ha mai compromesso la vittoria.

Nei supergentleman A Salvatore Gelli s’inchina a Marcello Striglioni, superiore ma non troppo, semplicemente ci ha creduto di più è stato premiato. Mancava il “cannibale” Pirozzini nei supergentleman B e allora ci pensa Aldo Allegranza, dopo un avvio equilibrato, a rompere gli indugi e cercare di arginare l’ostico Vigilio Berti che ha lottato come un leone fino all’ultimo giro e ci teneva a regalarsi un fine anno col botto.

Che gara quella dei senior 2, se ne vanno in tre, i migliori, Alessandro Agrini, Dieguito Salmoiraghi e Andrea Mora, con loro anche il senior 1 Rychi Cattaneo che se ne sta buono buono senza interferire perché gli basta arrivare per vincere. Scatti, contro scatti, allunghi e alla fine vince Agrini, il più convinto, quello che ha saputo far sfogare l’avversario per poi mettere a segno i classici tre scatti, il primo.. d’assaggio, il secondo per aggiustare la mira e il terzo per andare al traguardo. Chapeaux!

Le pedalate rosa salutano una bella sfida fra le donne A per merito di Valentina Mariani e Cristina Cortinovis, una gara avvincente la loro, in una specialità dura come il cross ma capace di trasmettere tante emozioni. Se la stavano giocando a viso aperto con una gara tirata, almeno fino quando Cristina incappa in un guasto meccanico avvenuto nel finale e deve necessariamente dar via libera alla forte Cassanese.

Rossella Bazzarello, incitata dal marito a bordo campo, infila la quarta vittoria stagionale e rafforza la leadership in generale in virtù di una gara accorta e concreta e infine una bella e convincente gara del debuttante Jacopo Barbotti che stavolta non aspetta il finale per liberarsi di Gioele Binello, avversario degno che comunque rimane un ostico e scomodo cliente.

Nel salone parrocchiale, dopo un corposissimo ristoro, è il giovane sindaco Massimo Pinnisi scalda i cuori:” Auguro a tutti buon anno e vi ringrazio per essere venuti numerosi a Moncrivello e, lasciatemelo dire, io vi invidio, perché fate sport e lo sport è sinonimo di salute e quindi non siete di peso alla collettività. Tornate quando volete, qui siete i benvenuti”. Musica per le orecchie di Riconda e Aimaro!
CX Moncrivello_Class

Carmine Catizzone

 

 

 

 

 

 

 

Click to comment

Roma Capannelle, inizia il lungo sprint finale del Giro d’Italia Ciclocross con il 10° Memorial Romano Scotti

È iniziato il lungo sprint finale del decimo Giro d’Italia Ciclocross. Sulla fine terra battuta dell’Ippodromo delle Capannelle domenica 6 gennaio la Befana porterà nella calza dell’Epifania ben 7 maglie rosa definitive (e due bianche!), a cui aggiungere le 9 dedicate alle categorie amatoriali, premiate singolarmente. Nessuno degli atleti in gara è riuscito a conquistare la certezza matematica della vittoria (colui che ci è andato più vicino è lo juniores Davide Toneatti – ASD DP 66 Rigoni SMP, a cui manca un solo punto) quindi i giochi sono tutti apertissimi su un percorso che ha sempre riservato interessanti colpi di scena.

Con il Patrocinio del comune di Roma Capitale l’organizzazione conferma il sodalizio tra l’ASD Romano Scotti e l’Hippo Group, all’interno dell’ippodromo più famoso d’Italia, che per un giorno sostituirà i cavalli con le biciclette per la cavalcata verso la maglia rosa. Sono giorni difficili per Capannelle, per via della situazione di stallo a tutti nota, ma ciò nonostante il direttore Elio Pautasso ha onorato l’amicizia con l’ASD Romano Scotti, gettando il cuore oltre l’ostacolo: «Hippo Group Roma Capannelle è lieta di ospitare ancora una volta la gara di Ciclocross più importante della nazione, per contribuire alla sua eccellente riuscita – spiega Pautasso – Un ringraziamento particolare lo vogliamo fare alla famiglia Scotti per aver scelto nuovamente l’ippodromo delle Capannelle quale teatro della finale del Giro d’Italia Ciclocross, dopo averci portato Coppe del Mondo e rassegne tricolori. Proprio l’ippodromo delle Capannelle che sta vivendo un momento drammatico, il più drammatico della sua secolare storia, dovuto all’impossibilità di continuare nella gestione del comprensorio alle attuali condizioni imposte dalla proprietà. La speranza è quella di poter ancora risolvere questa insostenibile situazione e salvare questo spettacolare palcoscenico sportivo da una fine ingiusta ed immeritata». Ma nel frattempo godiamoci lo spettacolo del ciclocross!

IL VIAGGIO PER L’ITALIA SI CONCLUDE NELLA CAPITALE – Dalla sabbia di velluto di Senigallia al foliage dolomitico di Forni Avoltri Sappada dalla ventosa Lignano Sabbiadoro al cristallino mare di Gallipoli passando per la bassa Ciociaria, a Ferentino. Tutte le strade del Giro d’Italia Ciclocross conducono ora a Roma, nella più consolidata delle tradizioni. Si, è stato effettivamente un gran bel Giro in tutto lo Stivale, con la carovana rosa del ciclocross coinvolta con entusiasmo nel ricordo di Romano Scotti. «In questa decima edizione abbiamo raccolto tutte le esperienze passate, è da qui che siamo partiti nel ricordo di Papà Romano che tutti conoscevano come persona brillante e simpatica amico di tutti, siamo all’ultima tappa con un pizzico di tristezza come tutte le cose che arrivano alla fine, ma poi ci si riattacca subito il numero e si riparte, siamo già proiettati al futuro del ciclocross e anche con organizzazioni in altre discipline – spiega Sergio Scotti, vicepresidente dell’ASD Romano Scotti – ma noi della famiglia Scotti, vogliamo dare il nostro abbraccio più grande a tutti coloro che ci hanno sostenuto e motivato, a tutte le società che credono nel ciclocross e hanno accettato la nostra scommessa in giro per l’Italia. E come non rivolgere un caloroso saluto al direttore Elio Pautasso, per la stima che ripone in noi a titolo personale e anche a tutti i dipendenti Amici dell’Hippo Group Capannelle. E nel frattempo, auguri di buon anno a tutti!».

LE GARE – Sulla scia dei buoni risultati ottenuti a Gallipoli con l’anticipo del programma di gara, anche per l’ultima tappa l’ASD Romano Scotti ha previsto un cronoprogramma compatto, con inizio delle competizioni alle 9:00 di domenica 6 gennaio e termine alle 14:20 (nell’ordine correranno i master – 50 minuti, gli esordienti 1° anno ex G6 – 20 minuti, gli esordienti 2° anno – 30 minuti, gli allievi – 30 minuti, juniores e donne open – 40 minuti e uomini open – 60 minuti). La scelta è dettata dalla presenza della premiazione finale del Giro, con la consegna delle maglie rosa, subito dopo i podi delle singole tappe (orario indicativo 14:30). Dalle 12:10 alle 13:00, su un mini percorso dedicato, si terrà la gara promozionale Short Track riservata alle categorie G1-G2-G3-G4-G5 (organizzazione a cura della ASD Romano Scotti in collaborazione come nella passata edizione con la ASD “Pedala che ti passa ciclismo Mentana”).

07:30   Verifica tessere e licenze (la verifica sarà chiusa un’ora prima della partenza di ogni singola gara)
08:20   Riunione Tecnica – categorie amatoriali e giovanili
09:00 – 09:50  Gara Master M/F (durata 50‘) 1^ e 2^ fascia. Questa gara può essere divisa in due batterie se il numero di iscritti è elevato.
10:00 – 10:20   Gara Esordienti 1° anno (durata 20‘) – non valida per la maglia rosa.
10:30 – 11:00   Gara Esordienti 2° Anno M/F (durata 30‘)
11:15 – 11:45   Gara Allievi M/F (durata 30’)
12:00   Riunione Tecnica – categorie internazionali UCI
11:50 – 12:15   Prove ufficiali sul percorso di gara riservate alle categorie UCI
12:10 – 13:00   Gara promozionale Short Track su mini percorso riservato alle categorie G1-2-3-4-5
12:20 – 13:00   Gara Juniores e Donne Open (durata 40‘) – a seguire premiazione
13:20 – 14:20   Gara Uomini Open (durata 60‘) – a seguire premiazione con G6
14:30 – 15:00   Premiazioni di tutte le categorie.

Le convenzioni: NOVITÀ area camper e ristorazione

La bellezza dell’ippodromo delle Capannelle è che, sullo stile dei cliché delle più rinomate tappe di Coppa del Mondo, tutte le attività collaterali avvengono all’interno di quello che a tutti gli effetti è uno stadio naturale del ciclocross. Per tifosi, tecnici ed accompagnatori ci sarà infatti la possibilità di pranzare presso il ristorante panoramico collocato nel plesso delle tribune centrali. Dalle ampie e ariose vetrate lo sguardo spazierà su tutto il circuito e in aggiunta tutta la gara sarà seguibile dai monitor posti sui tavoli. Il servizio è a cura del Capannelle Professional Service, con prezzi convenzionati che prevedono un menù di primo, secondo, contorno, acqua a € 12,00 se prenotato per tempo, a € 15,00 se ordinato al momento, oppure di € 20,00 per il pasto completo (primo, secondo, contorno, acqua, caffè, vino e dolce). Info e prenotazioni 06/7182478, 393/9587860 o luduseventi@gmail.com.

Per coloro che desidereranno soggiornare nel proprio camper anche quest’anno l’ippodromo delle Capannelle apre le porte della sua area dedicata interna alla struttura. Si potrà usufruire del parcheggio senza servizi al costo di € 20,00 al giorno, oppure del parcheggio “All Inclusive” con acqua, corrente elettrica, scarico WC, al costo di € 30,00 al giorno. Occorrerà compilare e consegnare questo modulo allegato.

Per quanto riguarda i soggiorni in albergo, invece, l’ASD Romano Scotti per la sesta tappa del 10° Giro d’Italia Ciclocross propone il suo storico quartier generale alberghiero, stabilito nell’ormai consueto Hotel Palacavicchi Alta Quota, situato in via di Ciampino 70, a un chilometro dal percorso di gara, oltre il Raccordo. È con questa struttura che sono state stipulate le convenzioni alberghiere

GRUPPO CAVICCHI Capannelle – Quartier generale ASD Romano Scotti
HOTEL PALACAVICCHI ALTA QUOTA ROMA
Via di Ciampino, 70 – 00178 Roma
Tel. +39 067934210 – Fax +39 0679341556
info@hotelpalacavicchi.com
www.hotelpalacavicchi.com
Per prenotare è necessario contattare direttamente la struttura, mentre i prezzi convenzionati sono i seguenti (prezzi da intendersi per persona a notte in regime di mezza pensione):

Camera Quadrupla: 50,00 euro per persona
Camera Tripla: 50,00 euro
Camera Doppia: 55,00 euro
Camera Singola: 65,00 euro

Se invece si desidera la pensione completa i prezzi cambiano così:

Camera Quadrupla: 63,00 euro per persona
Camera Tripla: 63,00 euro
Camera Doppia: 68,00 euro
Camera Singola: 78,00 euro

Note per gli addetti ai lavori

ACCREDITI SQUADRE E CONFERENZA STAMPA – Tutte le squadre che intendono partecipare alla tappa di Roma e che non siano già in possesso dei pass (per i box e per il parcheggio) devono tassativamente farne richiesta sul sito ufficiale. Il modulo deve essere compilato entro e non oltre venerdì 4 gennaio 2019 (ore 23:00). I pass sono valevoli per tutto il Giro, quindi chi li ha già ricevuti a Senigallia (o abbia precedentemente effettuato la richiesta) non deve chiederli nuovamente. Non sarà possibile richiedere i pass sul posto. Le iscrizioni degli atleti delle categorie cicloamatoriali tesserati per gli enti di promozione sportiva dovranno pervenire all’organizzazione attraverso l’indirizzo di posta elettronica iscrizioni@ciclocrossroma.it.

I pass verranno consegnati subito dopo la conferenza stampa di presentazione della tappa di Roma Capannelle, che avverrà il 5 gennaio 2019 alle ore 18:00 presso la sala congressi dell’Hotel Palacavicchi Alta Quota, già sede delle premiazioni finali della scorsa edizione. I pass saranno consegnati in base al giorno e all’orario in cui è arrivata la richiesta, quindi è consigliabile chiederli il più presto possibile. Non saranno consegnati, salvo giustificate eccezioni, la mattina della gara.

ACCREDITI STAMPA – Le testate, i giornalisti freelance e i fotografi che desiderano seguire una o più tappe del 10° Giro d’Italia Ciclocross dovranno utilizzare il form di accredito sul sito. L’accredito sarà consegnato al desk delle iscrizioni durante le operazioni pre-gara. Per i fotografi l’ASD Romano Scotti rilascerà una pettorina ad alta visibilità onde garantire la loro presenza sul percorso. Durante il periodo dell’uso della pettorina, che dovrà essere restituita, l’organizzazione tratterrà un documento di identità. La sala stampa sarà allestita all’interno della struttura alberghiera ufficiale.

Click to comment

Grande successo a Civitavecchia per il Trofeo Conad

250 corridori, tra bambini e adulti, hanno preso parte alla prima edizione del Trofeo Conad, gara organizzata dal Team Bike Race Mountain Civitavecchia che è stata valevole come penultima tappa del Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte Lazio Cross. Oltre alle categorie amatoriali e agonistiche, hanno preso parte alla manifestazione anche i bambini di categoria da G1 a G5, che hanno potuto correre su un circuito short track a loro dedicato.

Tante sono state le autorità presenti all’impianto sportivo Moretti della Marta, a cominciare dal fiduciario Coni di Civitavecchia, la dottoressa Stefania Di Iorio, il presidente della CRC Centumcellae Rugby Andrea D’Angelo, il presidente della Tirreno Atletica Claudio Ubaldi, il presidente dell’impianto sportivo Moretti della Marta, Mauro Tronca. Per Conad era presente il socio imprenditore Roberto Serafini. Per il comune di Civitavecchia era presente il vicesindaco Daniela Lucernoni.
Alla gara è stato presente anche Paolo Tempestini, presidente del comitato provinciale di Roma FCI, in quanto la manifestazione è stata valevole come prova unica di campionato provinciale. Non è mancato il presidente del comitato Antonio Zanon.

DICHIARAZIONI – “Siamo molto soddisfatti di come sia andata la gara – spiega Vanessa Casati, presidentessa del Team Bike Race Mountain Civitavecchia – in quanto c’è stato un gran bel pubblico e una bella partecipazione. La location si presta molto bene ad ospitare questo tipo di eventi e siamo davvero molto felici per questa collaborazione; possiamo dare appuntamento già da oggi al 2019. Un ringraziamento a tutti gli amici che hanno permesso di vivere questa bella giornata di sport, a tutti i nostri sponsor e a tutti coloro che fanno il tifo per noi. Quest’anno siamo riusciti anche a coniugare una finalità sociale far correre alcuni dei bambini della Repubblica dei Ragazzi. L’obiettivo è quello di farli tesserare per la nostra squadra, nei prossimi mesi, e di portarli con noi a correre in giro per l’Italia”.

Roberto Serafini, socio imprenditore di Conad, afferma: “Conad ha un pay off che è Persone oltre le cose, quindi la nostra azienda è molto attenta al territorio e a tutto ciò che è il nostro contesto quotidiano. Abbiamo visto che questa iniziativa ha coinvolto tanti ragazzi giovani e li ha fatti concentrare su un qualcosa di sano, come lo sport. Di conseguenza abbiamo aderito con grande piacere a questa manifestazione, diventandone partner, in quanto è in linea con il nostro ideale di azienda legata al territorio, e questo ci ha reso molto felici, anche perché è stato molto bello vedere la soddisfazione negli occhi di tutti.. Era la mia prima volta a una gara di ciclocross e credo sia uno sport che abbia la necessità di essere promosso in quanto non ha bisogno di spazi enormi ed è un perfetto veicolo di aggregazione”.

Andrea D’Angelo, presidente della CRC Centumcellae Rugby: afferma “L’organizzazione della gara è stata a dir poco impeccabile, sicuramente è un evento da ripetere. La nostra associazione rimane a disposizione per organizzare altri eventi sportivi insieme al Team Bike Race Mountain Civitavecchia: quando si parla di sport siamo sempre pronti perché questi eventi sono sempre degli ottimi momenti per stare insieme”.

La dottoressa Stefania Di Iorio, fiduciario Coni di Civitavecchia, afferma: “La cosa che mi ha colpito di più è stato l’ambiente familiare nel quale si è svolta la gara. Credo che manifestazioni come queste facciano capire quale sia il vero senso dello sport. Il fatto che abbiano potuto gareggiare sia i genitori che i figli è stata una cosa bellissima, anche la presenza dei camper ci ha fatto capire quanto sia importante tutto questo. In questo evento abbiamo visto famiglie intere pedalare in bicicletta, ed è un bellissimo messaggio che viene portato avanti”.

Daniela Lucernoni, vicesindaco di Civitavecchia, afferma: “Grazie mille a Vanessa Casati, a Vladimiro Tarallo e a tutto il Team Bike Race Mountain Civitavecchia che organizza delle manifestazioni meravigliose. Questa, tra l’altro, è ancora più bella, perché realizzata in un impianto sportivo comunale in collaborazione con le società che vi operano”.

Un ringraziamento particolare da parte del Team Bike Race Mountain Civitavecchia è rivolto anche a Pro Action, che come di consueto ha fornito gli integratori e altro materiale promozionale per la gara.

TUTTI I RISULTATI – La giornata di gare è iniziata con la prova dei G6: bellissima è stata la doppietta della Punto Bici Aprilia, con Lorenzo Cipriani e Alessandro Gaudio che hanno conquistato le prime due posizioni. Sul podio con loro sale Riccardo Sbarra in terza posizione. Tra le ragazze, successo per Eleonora La Bella (Città dei papi Ciclismo) davanti a Sara Tarallo (Team Bike Race Mountain Civitavecchia) e a Beatrice Petrianni (Pontino Sermoneta).

Sul percorso particolarmente impegnativo allestito dal Team Bike Race Mountain Civitavecchia è arrivata l’ottima prestazione di Federico De Paolis (Race Mountain Folcarelli Team), autore di una vittoria in solitaria nella categoria Allievi davanti ad Alessandro Bontempi (Punto Bici Aprilia) e a Damiano Olivieri (Race Mountain Folcarelli Team). Nella categoria femminile si impone Giorgia Negossi (Race Mountain Folcarelli Team).

Bellissima la gara condotta anche da Filippo Ragonesi (Marino Bike & Biker), che si impone autorevolmente nella prova degli Esordienti. Sul podio con lui salgono Simone Vari (Race Mountain Folcarelli Team) e Simone Giampaolo (Race Mountain Folcarelli Team). Tra le ragazze, il trionfo è per Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli Team), prima davanti ad Aurora Pallagrosi (Race Mountain Folcarelli Team) e a Claudia Cimadon (Punto Bici Aprilia).

Molto combattuta la gara Juniores, con Philippe Mancinelli (Cycling Cafè Racing Team) che la spunta su Nicolò Fortunati (Race Mountain Folcarelli Team) e su Raul Baldestein (Cycling Cafè Racing Team). Se tra le donne Open si impone Sara Sciuto (Pro Bike Riding Team), tra i ragazzi il successo è tutto per Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team), che supera Stefano Capponi (Pro Bike Riding Team) e Simone Verticchio (Pedala che ti Passa).

Nelle categorie Master è arrivato il bel successo per Fabrizio Trovarelli (Bike Lab), che è riuscito a superare Leonardo Caracciolo (Centro Bici Team Terni) e Giovanni Gatti (Team Castello Bike Race Mountain). Tra i Master di seconda fascia si impone invece Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team) davanti a Gianni Panzarini (Drake Team Cisterna). La partenza che ha visto gareggiare le categorie dagli M4 in su ha visto anche il terzo posto assoluto e il primo tra gli M6 over di Mario Quattrini (Gs Pontino Sermoneta). Tra le donne Master, dopo un bellissimo duello durato tutta la gara, si impone Sara Battenti (Foro Italico) Davanti a Sabrina Di Lorenzo (ASD Di Lorenzo) e a Claudia Cantoni (Team Bike Race Mountain Civitavecchia).

La classifica a squadre è stata vinta dal Team Bike Race Mountain Civitavecchia davanti al Race Mountain Folcarelli Team e alla Pro Bike Riding Team.

CAMPIONI PROVINCIALI – La bellissima giornata di gare si è chiusa con l’assegnazione delle maglie di campione provinciale di Roma per Stefano Capponi (Open; Pro Bike Riding Team), Sara Sciuto (Open femminile; Pro Bike Riding Team), Philippe Mancinelli (Juniores; Cycling Cafè Racing Team), Gabriele Giuseppetti (Allievo, Cycling Cafè Racing Team), Aurora Pallagrosi (Esordienti donne, Team Bike Race Mountain Civitavecchia), Filippo Ragonesi (Esordiente, Marino Bike & Biker), Daniele Peschi (ID-2, Team Bike Race Mountain Civitavecchia).

Tra le categorie Master, i campioni provinciali sono Sara Battenti (EWS; Foro Italico), Sabrina Di Lorenzo (W1; ASD Di Lorenzo), Claudia Cantoni (W2; Team Bike Race Mountain Civitavecchia); Cristian Mariani (ELMT; Team Castello Bike Race Mountain); Giovanni Gatti (M1; Team Castello Bike Race Mountain), Alessio Porcari (M2; Ciclotech), Domenico Ponzo (M3; Piesse Cycling Team), Alessandro Rescia (M4; Team Bike Race Mountain Civitavecchia), Stefano Coscia (M5; Lazzaretti), Lorenzo Borgi (M6; Mtb Santa Marinella), Vincenzo Scozzafava (M7; Mtb Santa Marinella), Marco Crescentini (M8; Team Bike Race Mountain Civitavecchia).

IL TEAM BIKE RACE MOUNTAIN CIVITAVECCHIA – La squadra di casa non poteva non farsi onore nella gara di casa, con il trionfo nella classifica per società e un bottino di cinque maglie di campione regionale conquistate da Claudia Cantoni (W2), Alessandro Rescia (M4), Marco Crescentini (M8), Aurora Pallagrosi (Esordienti), Daniele Peschi (ID-2). Quest’ultimo è riuscito a vincere nella propria categoria, conservando la maglia di leader del circuito Lazio Cross.

Molto importanti sono stati anche i podi conquistati da Aurora Pallagrosi, seconda tra le Esordienti, e per Sara Tarallo, seconda tra le G6, risultati che danno morale in vista del campionato italiano che si terrà a Milano il 12 e 13 gennaio.
Nella categoria G6 maschile il migliore degli arancio-fluo è stato Giordano Gigli, sesto, con Daniele Mazzei e Diego Zevola rispettivamente ottavo e nono. Hanno preso parte alla gara anche Diego Navarro e Filippo Salvatori, rispettivamente 13/o e 14/o. Nella prova femminile, oltre al podio della Tarallo, è arrivato anche in quarto posto di Silvia Cerasa.

Tra gli Esordienti ottengono la top 10 Filippo Cesarini Proietti, 6/o, e Manuel Rescia, 8/o, mentre tra gli Allievi hanno gareggiato Luca Cerasa, 13/o, ed Edoardo Di Luigi, 14/o.

Nelle categorie Master, insieme al podio di Claudia Cantoni, terza assoluta e prima delle W2, c’è stata l’ottima prova di Alessandro Rescia, che nella seconda fascia ha ottenuto la quinta piazza assoluta e terza tra gli M4. Insieme alla vittoria di Marco Crescentini negli M8, sono arrivati i piazzamenti di Gianluca Belli (16/o M4), Massimo Egidi (18/o M4), Luigi Trasarti (21/o M4), Marco Deciano (8/o M5), Ivano Libriani (13/o M5), Fabrizio Nunzi (7/o M6), Tiziano Santini ed Egidio Priante (rispettivamente 4/o e 5/o M7).

Nella fascia 1 Vladimiro Tarallo conquista la top 10 assoluta e il secondo posto negli M3, insieme al podio di categoria M2 per Angelo Guiducci, 3/o. Luigi Quintiero è 7/o negli ELMT, con Emanuele Rossi e Alessandro Massai rispettivamente quarto e ottavo negli M3.

Click to comment

To Top