dipa

Trofeo Sant’Angiolino: il challenge che premia la passione

La formazione torinese Rodman Azimut Squadra Corse guida la classifica del Trofeo Sant’Angiolino dopo la prima prova, davanti a Gs Passatore e Asd La Orsi Bike. La seconda prova, Granfondo del Penice, si terrà domenica 6 giugno a Varzi (Pavia). La classifica team tiene conto dei corridori delle diverse formazioni che si iscrivono alle tre granfondo santangioline, a prescindere dalla modalità con cui questa sia stata effettuata.

“Bella e seducente, è solo mia
Sempre più attraente, non resisto e così sia
Con quella sua linea essenziale ed elegante
Possederla è un’esperienza intensa ed esaltante
Da quando l’ho incontrata, non sono più lo stesso
La mia vita è migliorata, non sono mai depresso
Ogni santo giorno ho una gran voglia di saltare
Con un balzo in sella e cominciare a pedalare, pedalare, pedalare, pedalare”.

La Bicicletta canzone del gruppo Radici nel Cemento, potrebbe essere la colonna sonora dell’edizione 2021 del Trofeo Sant’Angiolino, il challenge voluto da Vittorio Ferranteche premierà le prime cinque società che avranno iscritto il maggior numero di tesserati iscritti alle tre granfondo santangioline.

Il calendario delle prove, che assegnano punti per la classifica team del Trofeo Sant’Angiolino, si è aperto con il successo organizzativo e partecipativo della Granfondo Valtidone che ha visto al via 1070 ciclisti. Un primo importante traguardo raggiunto, ma soprattutto un numero di partecipanti che ha ampiamente soddisfatto il comitato organizzatore, considerato anche il particolare momento che stiamo vivendo. C’è un filo rosso che lega le due manifestazioni ed è l’appartenenza al prestigioso circuito Coppa Piemonte.

La seconda prova, Granfondo del Penice, si terrà domenica 6 giugno a Varzi, conosciuta per uno dei più pregiati e aristocratici insaccati d’Italia: il Salame di Varzi. Apprezzato in egual misura da contadini e famiglie aristocratiche come i Malaspina, passando per tutti gli altri ceti sociali, la storia del salame di Varzi ha molto a che vedere con le necessità delle popolazioni nomadi – esperti di cibi non deperibili a lunga conservazione – e con la centralità del maiale sia nella cultura alimentare nordica che in quella rurale della Valle Staffora. Una granfondo nel cuore dell’Appennino ma dal carattere alpinoPoco meno di 2600 infatti i metri di dislivello previsti dal percorso Granfondo mentre 1675 metri di dislivello sono quelli proposti dal percorso mediofondo.

Terza ed ultima prova del Trofeo Sant’Angiolino sarà la Granfondo di Casteggio, in programma il prossimo 5 settembre.

Per quel che riguarda la classifica al termine della prima prova, guida la formazione torinese Rodman Azimut Squadra Corse guidata da Marco Pipino, che precede di soli tre punti la cuneese Gs Passatore. Al terzo posto Asd La Orsi Bike, 26 ciclisti iscritti, quarta la società Dottabike con 24 iscritti e quinta la Polisportiva Team Brianza con 21 partecipanti.

Partecipare al Trofeo Sant’Angiolino è semplice. La classifica team tiene conto dei corridori delle diverse formazioni che si iscrivono alle tre granfondo santangioline, a prescindere dalla modalità con cui questa sia stata effettuata.




Leave a Reply