Catalogo TOPEAK
Dipa abbigliamento

Tutti i dettagli del percorso classico di 1200 chilometri di Adriatic Marathon Ultracycling Challenge

Si è entrati ufficialmente nel vivo dei preparativi dell’Adriatic Marathon Ultracycling Challenge con la sua terza edizione molto particolare e suggestiva sul piano tecnico ed organizzativo.

L’evento di ultracycling, in programma tra giovedì 17 e domenica 20 settembre, si ripropone in tutte le sue caratteristiche molto apprezzate dai migliori specialisti a livello nazionale e con gli organizzatori dell’Asd Abruzzo Ultracycling che stanno lavorando alacremente per trarre il meglio sotto ogni aspetto.

Confermato il percorso classico di 1200 chilometri tra la Costa dei Trabocchi in Abruzzo, il Parco Nazionale del Gargano e la Foresta Umbra (dal 2017 patrimonio dell’Unesco), il Tavoliere delle Puglie, la costa della Penisola Salentina, i comuni della Murgia dei Trulli con la Valle d’Itria (dal 1996 patrimonio dell’umanità e dell’Unesco).

La competizione regina dell’intera manifestazione prevede la partenza da Francavilla al Mare costeggiando tutta la costa adriatica e dovranno transitare obbligatoriamente nelle cinque time station di Vieste (km 210), Polignano a Mare (km 417 – supporto logistico in loco a cura dello staff di Cala Ponte), giro di boa a Santa Maria di Leuca (km 642 – con il supporto della Pro loco di Roberto Calabrese), di nuovo Polignano a Mare (km 875) e Foggia (km 1036) per poi completare la fatica fino a Palazzo Sirena a Francavilla.

Il percorso dell’Adriatic Marathon sarà fornito in formato gpx a tutti i partecipanti e sarà fornito il Roadbook. Tutti i ciclisti, in totale autonomia, saranno dotati di un sistema di tracciamento GPS che consentirà di conoscerne la loro posizione in tempo reale.

L’Adriatic Marathon Ultracycling Challenge può essere effettuata in diverse categorie:

– solo non supportato

– solo con assistenza

– coppia non supportata

– coppia con assistenza

– staffetta con assistenza (2 atleti)

– staffetta con assistenza (4 atleti)

Le categorie solitarie (non supportato e con assistenza) saranno sia maschili che femminili, le altre non saranno identificate in base al sesso dei partecipanti.

Leave a Reply