Pichetta: “Vincere in casa è qualcosa di ancora più emozionante”

Cuneo – La 32^ edizione della granfondo internazionale La Fausto Coppi Officine Mattio è partita questa mattina da Cuneo alle ore 7.

Ancora una volta l’evento ha superato i record dal punto di vista del numero degli iscritti, erano infatti 2800 gli atleti al via, numero chiuso posto quest’anno dall’ASD Fausto Coppi on the road, che organizza la granfondo.

L’evento principe è stato vinto da Ricardo Picchetta, portacolori del SC Vigor Cycling Team mentre Pietro Castellino del ASD La Veloboves ha tagliato per primo il traguardo nella Mediofondo. Per quanto guarda riguarda le donne, la gara lunga è stata vinta da Monica Bonfanti del team Rodman Azimut Squadra Corse, mentre la corta da Annalisa Prato del Team De Rosa Santini.

Numerose le manifestazioni parallele nel weekend della corsa: nel pomeriggio di sabato in comune a Cuneo erano state accolte le delegazioni diplomatiche di Olanda, Ungheria, Cile, Danimarca e Austria ed alle 17 ha avuto luogo la suggestiva Cerimonia delle Nazioni, aperta dall’Ambasciatore Olandese in Italia, Joost Flamand, paese gemellato con l’edizione numero 32 de La Fausto Coppi Officine Mattio. All’Olanda era anche dedicata la #cuneoinbiciconl’olanda la pedalata non competitiva, che si è tenuta sabato pomeriggio, nata per sensibilizzare la città su una mobilità più sostenibile.

In totale erano rappresentate quest’anno all’evento, 37 Nazioni straniere.
Partenza come da tradizione dalla centralissima piazza Galilberti alle ore 7 di questa mattina.

2800 gli atleti, raggiunto quindi il numero massimo fissato dall’organizzazione. Due i percorsi a disposizione dei corridori: una Granfondo di 177 Km di lunghezza e 4125 metri di dislivello e una mediofondo di 111 km con 2500 m di dislivello. Anche la divisione del percorso ha rispettato la tradizione, con la suggestiva e scenografica divisione tra i due tracciati, all’altezza del viadotto Soleri.

A fare da re indiscusso di entrambe le gare è stato il Colle Fauniera con una salita di 22,3km e un dislivello di 1689m per raggiungere la cima a 2484m dove è presente il monumento dedicato a Marco Pantani.

La Granfondo

Dopo il via dalla centrale Piazza Galimberti e la divisione del percorso i corridori che hanno scelto la gara lunga si sono diretti in gruppo compatto verso Busca per poi entrare nella valle Varaita: qui il primo attacco, con Lorenzo Fanelli e il francese Tony Mezure che guadagnano subito qualche minuto sul gruppo. Fuggitivi che vengono però ripresi in cima a Valmala da una dozzina di atleti; fra questi anche il vincitore della passata edizione, Paolo Castelnovo.

Commenti

Il vincitore della Granfondo Ricardo Picchetta ha così commentato la sua prestazione: “Vincere in casa è qualcosa di ancora più emozionante; sono davvero contento anche perché ci sono poche gare in Provincia Granda. E’ sempre bello partecipare a La Fausto Coppi. Sono felice perché questa competizione ogni anno porta tanta gente sulle strade di queste vallate stupende. Bisogna valorizzare sempre questa nostra meravigliosa terra.”
La vincitrice della granfondo Monica Bonfanti :”Sono veramente contenta; un lavoro impegnativo ma ho grossi compagni di squadra che hanno fatto tanto per me. Dopo il Fauniera è stata invece la testa il problema principale; una volta che ho tenuto dal punto di vista psicologico, sono riuscita ad arrivare al traguardo senza problemi”.

Il vincitore della Mediofondo Pietro Castellino, si è detto molto soddisfatto e veramente orgoglioso di aver vinto una gara così importante.

La vincitrice della mediofondo Annalisa Prato ha così commentato il suo risultato: “Sono sempre molto felice di fare bella figura in questa gara, e ovviamente non possono che essere ancora più contenta della vittoria”.

Classifica granfondo La Fausto Coppi Officine Mattio

Leave a Reply