Inarrestabile Michela Bergozza, conquista anche Verona

Terza vittoria stagionale per Michela Bergozza sostenuta da Stefano Laghi, presidente del sodalizio, che ha centrato il secondo posto nella categoria Gentleman 1.

Verona – Tre. Considerato il numero perfetto, il numero tre viene associato a Giove che rappresenta l’autorità, il senso del dovere portato alla massima espressione. Tre come le vittorie conquistate dalla vicentina Michela Bergozza in questa prima parte di stagione, che ieri si è imposta nella veronese Granfondo Luca Avesani.

Successi conquistati con autorità e grazie alla passione e il sostegno di uno straordinario gruppo guidato dal presidente Stefano Laghi. “Finalmente il momento negativo sembra passato. Oggi sono riuscita a conquistare il terzo successo stagionale grazie a Stefano Laghi che mi supporta e guida durante le manifestazioni – afferma Michela Bergozza – è importante avere al tuo fianco durante la gara una persona che condivide la stessa passione e riesce in ogni occasione a far emergere la passione per questa attività sportiva che ci motiva. Voglio complimentarmi con gli organizzatori che hanno predisposto una moto a tutela della sicurezza della prima donna e per la perfetta organizzazione dell’evento. Anche grazie a questo il successo acquista un valore maggiore”.

A completare la splendida giornata festiva dedicata alle due ruote, il secondo posto di categoria di Stefano Laghi tra i Gentleman 1. “E’ stata una vittoria cercata e voluta con determinazione da Michela Bergozza che si è portata subito al comando della gara femminile che ha condotto a ritmo straordinario sino al traguardo di Verona. Io ho cercato di sostenerla e sono riuscito a conquistare il secondo posto di categoria. Una bella soddisfazione dopo un periodo non proprio fortunato, caratterizzato da cadute. Voglio ringraziare tutte  le aziende che sostengono la nostra società e ci permettono di svolgere questa straordinaria e affascinante attività sportiva. Senza di loro non potremmo vivere queste straordinarie emozioni”.

Leave a Reply