Cosmo Bike torna il festival della bici, tra novità, campioni e sostenibilità

Il primo grande evento del calendario ciclistico italiano a Veronafiere dal 15 al 16 febbraio 2020. Visita il sito dell’evento per le informazioni. Apertura al pubblico domani sabato 15 dalle ore 9,30

Verona – Oltre 180 marchi presenti con gli ultimi modelli e accessori, più di 40 talk con i grandi campioni del ciclismo, circuiti per test ride, spettacoli e focus su e-bike e cicloturismo.

A Veronafiere torna CosmoBike Show, il festival della bici in programma il 15 e il 16 febbraio. Una manifestazione trasversale, dedicata alla passione per le due ruote a pedali, in grado di coinvolgere ciclistici esperti, ma anche chi si sta avvicinando per la prima volta a questo mondo. Proprio da Verona, a giugno, era partita l’ultima tappa a cronometro del 102° Giro d’Italia e ora CosmoBike Show rappresenta l’evento di apertura della stagione ciclistica 2020.

«L’esperienza di Veronafiere negli eventi passion driven ha reso Verona la capitale della bici, una grande festa, l’ouverture della stagione ciclistica con i suoi protagonisti, un contenitore per tutti gli aspetti legati alle due
ruote: sport, ebike, turismo, mobilità, sicurezza – sottolinea il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –. Un evento green, giovane e social che abbiamo lanciato nel nuovo format nel febbraio 2019 e di cui già quest’anno stiamo raccogliendo i frutti con la presenza di tutti i principali brand del settore».

Un programma unico al livello nazionale, anche grazie alla collaborazione con La Gazzetta dello Sport, vera e propria istituzione nel panorama editoriale italiano, che si rinnova anche quest’anno.

«Dove c’è ciclismo, c’è La Gazzetta dello Sport e la collaborazione con Veronafiere che si rinnova anche per il 2020 ci fa molto piacere – sottolinea Pier Bergonzi, vicedirettore de La Gazzetta dello Sport –. La nostra
esperienza potrà portare interessanti contenuti a questo festival, che permette di vedere le novità tecnologiche ed ascoltare i campioni entrando di più nel merito di tanti aspetti che hanno come matrice comune la passione per la bici».

Le iniziative in fiera organizzate da La Gazzetta dello Sport iniziano sabato 15 con il talk dedicato al Giro d’Italia e con la presentazione delle tappe venete della corsa 2020. A seguire l’incontro “La Maglia Rosa racconta”, in compagnia dei campioni Gianni Bugno, Stefano Garzelli e Ivan Basso.

Domenica 16 invece, in viene svelato in anteprima il tracciato del campionato italiano professionisti, nato da un’idea del ciclista
Filippo Pozzato.

CosmoBike show 2020 ha deciso poi di celebrare il mito di Marco Pantani a 50 anni dalla nascita. La mostra tematica “Tu lo conosci Marco?”, realizzata in collaborazione con Mario Cionfoli e un gruppo di amici e colleghi di Pantani, racconta la vita e le imprese dell’indimenticato campione romagnolo, attraverso le sue bici, i cimeli, filmati e testimonianze.

Sul fronte del turismo in sella confermati in fiera l’area CosmoBike Tourism, con le migliori proposte e attrezzature per gli appassionati di questa forma di vacanza “slow” e l’Italian Green Road Award, l’Oscar
delle migliori ciclabili d’Italia che premia le più suggestive ciclovie regionali.

E-Bike Première 2020, invece, è una vera e propria vetrina per i modelli più avanzati di bici elettriche e a pedalata assistita. Uno tra i principali obiettivi di CosmoBike Show, infatti, è la promozione della bicicletta come protagonista della mobilità alternativa di tutti i giorni, in ottica di sostenibilità sociale e ambientale.

Tra i temi green di CosmoBike Show, anche l’inter-modalità ciclo-treno e le prospettive sull’utilizzo delle ferrovie dismesse come nuove piste ciclo-turistiche per valorizzare i territori. A parlarne in fiera le Ferrovie
dello Stato Italiane, presenti con Trenitalia, RFI e Fondazione FS.

DATI ECONOMICI (FONTE ANCMA)

Nel 2018 in Italia sono state vendute 1.595.000 biciclette, in calo del 5,5% rispetto all’anno precedente. L’industria italiana si conferma un’eccellenza con una produzione di oltre 2.445.000 di pezzi. Sul fronte del
mercato interno il segno meno (-7,6%) interessa principalmente la bicicletta tradizionale.

Continua invece a crescere in maniera significativa il comparto delle e-bike che, dopo l’incremento a doppia cifra dell’anno scorso, fa segnare nuovamente un +16,8%, con 173.000 pezzi venduti; anche la produzione, grazie all’introduzione dei dazi antidumping Ue sulle biciclette elettriche provenienti dalla Cina, vola a 102.000 pezzi, il 290% in più rispetto al 2017. Numeri importanti che si riflettono sull’export delle bici a pedalata assistita, che nel 2018 raggiunge un valore di 42 milioni di euro, più 300% sull’anno precedente.

Leave a Reply