Cicli MBM: un “must” a due ruote

Parma – Ha un animo italiano. Che pulsa dal 1973, anno di fondazione dell’azienda Cicli MBM nata dalla passione per i motori da parte dei due soci. La trasformazione in azienda produttrice di bicilette, proietta, poi, il brand a livelli internazionali, con particolare evidenza al “Made in Italy” che lo caratterizza.

Dal 2016 MBM inserisce nella sua produzione l’alto di gamma E-Bike. Cuore, telaio e progettazione assolutamente italiani. E all’estero ne vanno letteralmente matti! Oggi, il 50% del fatturato dell’azienda proviene da questo segmento. Ed al TOF – Bike Spring Festival, in programma dal 15 al 17 febbraio 2019, le bici MBM potranno essere testate!

Trasformazione come innovazione: gli esordi

L’esperienza acquisita dal 1973, lancia una nuova sfida ai creatori del marchio tanto da portarli a realizzare una vera e propria trasformazione dell’attività produttiva. Sì alle due ruote ma “senza motore”! Nascono, così, le bici MBM che uniscono artigianalità e design del tutto “Made in Italy” . Un mix vincente che porterà, in breve tempo, MBM a diventare l’azienda di riferimento del settore.

L’importanza del cambiamento: nuovi orizzonti nella continuità generazionale

Con il cambio generazionale, da padre in figlio, l’azienda, dieci anni fa, vive un passaggio tanto fondamentale quanto critico, innescando la volontà di avviare un processo di internazionalizzazione del marchio. Il Made in Italy di Cicli MBM sbarca, così, in tutta Europa. Lo slogan” Made in Italy” accompagna, ancora oggi, tutta la produzione ed è la vera forza del marchio che ha nel suo dna la cura dei dettagli, la qualità dei componenti uniti al design italiano.

 L’E-Bike dal 2016 e gli obiettivi per il futuro

Nate da un approfondito studio del progetto e da una ricerca altrettanto approfondita dei materiali di primissima qualità, create a mano da tecnici altamente specializzati, le bici MBM garantiscono qualità, comfort e unicità.

Nel 2016 è il momento di creare una produzione alto di gamma E-Bike per entrare in nuovi mercati. Il successo è assicurato!

Per il futuro, Cicli MBM, ha obiettivi molto ambiziosi. L’organico si sta ampliando. Nuovi investimenti in nuovi prodotti e nuovi settori, contribuiscono, poco per volta, ad inserire l’azienda in una fase straordinaria.

 

Click to comment

La presentazione del Giro d’Italia Amatori sarà trasmessa in diretta streaming

Domenica 20 gennaio 2019 si alzerà il sipario sul Giro d’Italia Amatori, la corsa amatoriale a sostegno dell’attività giovanile che quest’anno sarà valevole anche come campionato italiano Mediofondo per la Federazione Ciclistica Italiana. Alle ore 11, presso il Concessionario Marchi Auto a Sant’Andrea delle Fratte, frazione di Perugia, il comitato organizzatore della corsa rosa amatoriale svelerà quelle che saranno le tre tappe che comporranno l’edizione 2019.

Tutti coloro che non potranno essere presenti alla cerimonia potranno seguirla attraverso la diretta streaming sulla Pagina Facebook e sul canale YouTube L’Ora del Ciclismo, che fornirà un servizio di diretta streaming video. Sarà possibile quindi seguire anche da casa o da ovunque siate questa importante presentazione, ricordando che l’ultima delle tre tappe del Giro d’Italia Amatori sarà valevole anche come prova unica per l’assegnazione delle maglie tricolori del campionato italiano Mediofondo FCI.

Per seguire la diretta di domenica è possibile sintonizzarsi cliccando a QUESTO LINK

Per l’occasione, su L’Ora del Ciclismo è già disponibile il video promo della presentazione che si terrà domenica alle ore 11. Il video è disponibile anche su YouTube a QUESTO LINK.

Click to comment

Fiocco azzurro in casa Palvarini

Io penso di vedere qualcosa di più profondo, più infinito, più eterno dell’oceano nell’espressione degli occhi di un bambino piccolo quando si sveglia alla mattina e mormora o ride perché vede il sole splendere sulla sua culla.
(Vincent Van Gogh)

Fiocco azzurro in casa Palvarini. Nella notte è nato Thomas Palvarini terzo figlio maschio di Tazio Palvarini organizzatore della Southgardabike, della Granfondo Colnago Cycling Festival e Granfondo Bike Division, ideatore e organizzatore del circuito Zero Wind Show. Alla famiglia Palvarini e in particolar modo alla Sig.ra Monica Trivini giungano i più fervidi auguri dalla redazione di Radiocorsaweb.it

Click to comment

Scott Team Granfondo: il senso della passione senza smettere di correre. Presentato il roster della formazione 2019

Successo

Caparbietà

Orgoglio

Tradizione

Traguardi

Sono questi i valori che contraddistingueranno l’attività ciclistica dello Scott Team Granfondo nella stagione 2019 del sodalizio voluto e supportato da Scott Italia, grazie a Donatella SuardiIvano CamozziEleonora ArrigoniGuido Camozzi e Nicola Gavardi.

I dodici ciclisti della formazione giallo nera pedaleranno su bici Scott Foil RC DiscAddict RC PRO Disc equipaggiate con freni a disco, un prodotto quest’ultimo in cui l’azienda svizzera crede molto, in quanto migliorano la sicurezza e una frenata efficace aumenta anche la velocità.

La presentazione ufficiale del team si terrà a marzo durante un evento organizzato dalla Scott Sports, ma i ciclisti stanno già preparando la nuova stagione che si aprirà domenica 10 febbraio a Loano con la 9° Gran Fondo Città di Loano, mentre quattordici giorni più tardi si terrà la prima regina delle classiche: la 21° Granfondo Laigueglia.

Traguardi ambiti, primi confronti con il cronometro e con gli avversari di questa lunga stagione, sogni e fatica che rientrano con prepotenza nel ciclo quotidiano della vita dei dodici ciclisti, tesserati Acsi Ciclismo, intenzionati a scrivere un’altra indimenticabile pagina della storia di questo prestigioso team amatoriale.

Piccole anticipazioni sono state fornite nelle precedenti comunicazioni attraverso la pagina Facebook del team, molto seguita dagli appassionati di ciclismo, mentre proprio in queste ore è stato svelato il roster ufficiale della formazione 2019.

Ai riconfermati Luca BartolucciLuca ChiesaEnrico DogliottiFabio LaghiIgor Zanetti protagonisti di una buona stagione 2018, si aggiungono Enrico MaltoniNicola PetrucciCristian PintonMassimo RavaioliLuigi SalimbeniStefano Scotti e Antonio Surian.

Una formazione competitiva, completata con l’innesto di ciclisti di valore, che nella passione, lo spirito di sacrificio e l’unicità di intenti troverà ancora una volta gli stimoli giusti per emergere e regalare soddisfazioni a tutte le aziende che credono ormai da anni nell’opera dei dirigenti Velo Club.

“Vorrei tornare a salire sul gradino più alto del podio alla Maratona Dles Dolomites Enel che ho vinto nella stagione 2015, dopo aver ottenuto cinque anni prima la vittoria nel percorso medio” sottolinea Luigi Salimbeni, bolognese di Castiglione dei Pepoli, che nel suo palmares vanta anche tre successi nella Mediofondo della Granfondo Sportful (2013 – 14 – 16). “La Maratona Dles Dolomites è l’obiettivo principale – continua Salimbeni – sono cosciente che, per diversi motivi, primo fra tutti i numerosi e qualificati avversari, non sarà un traguardo semplice da raggiungere, ma il nostro è un team straordinario a cui nulla è precluso. Per quanto riguarda poi il resto della stagione mi preparo per essere protagonista dal mese di maggio in poi, quando si svolgeranno le gare che più si adattano alle mie caratteristiche. Marcialonga Cycling e Nove Colli sono altri due eventi che mi piacciono tantissimo. Ci sono anche altre gare che vorrei vincere, ma è più prudente rimanere con i piedi in terra e attendere il responso della strada”.

Determinati anche il veneto Cristian Pinton, vincitore della Carnia Classica, secondo alla Coppa d’Oro Trento, terzo alla Top Dolomites Granfondo e Prosecco Cycling e Antonio Surian vincitore de La Pina 2018.

Le biciclette saranno equipaggiate con ruote Miche modelli Supertype ed SWR, l’abbigliamento prodotto da ReArtù Tech Wear, la Scott Sports inoltre fornirà i caschi Scott Cadence Plus e occhiali Scott Spur LS.

Dodici appassionati ciclisti pronti a lanciare le fiammanti Scott alla conquista di prestigiosi traguardi.

Click to comment

I trionfi di Gioia Chiodi

La regina della Cicli Copparo nel 2018 è stata Gioia Chiodi. La 38enne ciclista di Morro d’Alba ha spopolato nelle gare di San Benedetto del Tronto, Francavilla a Mare, Recanati e Cesenatico, senza dimenticare il secondo gradino a Camerino e i terzi posti a Terni e Cattolica. Dopo aver raccolto consensi in serie nell’anno appena agli archivi, proverà a scrivere nuove pagine da ricordare nel 2019, dove si prefigge di togliersi ulteriori soddisfazioni regalando continuità ai risultati.

  • Come è nata la passione per le biciclette?

«Dai 18 ai 24 anni praticai spinnig, poi provai a montare in sella. Dopo aver studiato da osteopata, al primo stipendio ottenuto mi comprai la bicicletta e da lì non sono più scesa».

  • Quali sono state le tue prime corse?

«Per divertimento iniziai a 25 anni a partecipare alle Granfondo senza pensare all’agonismo. In quelle stagioni sognavo di prendere parte alla Maratona delle Dolomiti ma non ci riuscii mai. Per sette anni fui costretta a smettere per motivi lavorativi e familiari avendo avuto un figlio, fino a quando decisi di riprovare con la Maratona delle Dolomiti. La notizia che ero stata presa arrivò a novembre, a luglio completai la corsa e da lì mi prefissai di allenarmi più intensamente per ottenere risultati importanti».

  • Da quante stagioni corri a livello amatoriale?

«Tutto è cominciato nel 2016 con la Giuliodori, dove ho conosciuto Giampaolo Busbani e Valentino Spaccia. Insieme a loro, inseparabili compagni di avventure ciclistiche che mi motivano e mi permettono di arrivare alle gare preparata, mi sono spostata alla CICLI COPPARO dove ho conosciuto una grande famiglia. Il pensiero va soprattutto a Emiliano Evangelisti e Francesco Faggi, miei uomini di fiducia alle corse. Noi donne abbiamo una classifica a parte, ma è molto importante avere un sostegno maschile».

  • Quante ore ti alleni di media?

«Durante la settimana ho pochissimo tempo per via della mia professione da osteopata, ma non appena mi libero per un paio d’ore prendo la bicicletta che porto sempre in macchina e parto. Diverso è il discorso il sabato e la domenica, quando posso dedicarmi all’allenamento con continuità grazie alla pazienza di mio marito che si occupa di tante mansioni a livello domestico. È lui che mi sostiene e mi incoraggia: se ho ottenuto tante vittorie gran parte del merito è suo».

  • Quale vittoria ti è rimasta nel cuore?

«La Granfondo di Terni nel 2016: fu la mia prima corsa, coincisa con la prima vittoria. Quella mi gratificò più di ogni altra: non pensavo di essere competitiva e invece alla prima salita riuscii a staccare la concorrente, una delle granfondiste più famose d’Italia».

  • Della scorsa stagione quale trionfo ricordi con maggior trasporto?

«Quello alla Granfondo di Cesenatico: alzare le mani al cielo in una corsa in onore del grande Marco Pantani è sempre un onore infinito. Più di ogni altra competizione amo però la Granfondo delle Dolomiti. Sono arrivata tra le prime dieci nel lungo, purtroppo quest’anno non potrò partecipare perché non sono stata estratta».

  • Obiettivi per la prossima stagione?

«Il primo è quello di divertirmi all’interno dello splendido team della Cicli Copparo, composto da persone splendide sia ai vertici che tra i compagni di squadra. Le soddisfazioni arriveranno di conseguenza».

Click to comment

Ride 2 Parks: il 2019 inizia col botto per il mondo dell’Endurance Cycling!

RIDE 2 PARKS Endurance Cycling è un evento ciclistico che si svolgerà a L’Aquila il 9 giugno 2019 in occasione del decimo anniversario del sisma che ha colpito il capoluogo d’Abruzzo e il suo comprensorio.

Dalla passione per la bicicletta e per le prove di resistenza, due amici hanno deciso di mettersi in gioco e proporre al mondo delle due ruote una manifestazione che avesse come centro nevralgico la città di L’Aquila.

Ermanno Perrella (imprenditore del settore caseario e nello specifico dell’Ethic Food) e Luca Giannangeli, (editore di riviste mondiali sull’endurance equestre e di una società di tracciamento GPS per lo sport) scommettono molto sulle potenzialità dei percorsi ciclistici dell’aquilano nel cuore ferito d’Abruzzo dal sisma di 10 anni fa a cavallo Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e il Parco Naturale Regionale del Sirente Velino.

Distanze:

–      RIDE2PARKS Endurance Cycling 210 km con segmento competitivo sul Gran Sasso d’Italia che verrà rilevato con Strava. (accensione della APP a discrezione del rider).

–      RIDE2PARKS Endurance Cycling 120 km in modalità “ciclopedalata”

–      RIDE2PARKS Randonnèe AUDAX Italia 210 km

L’albergo di Campo Imperatore è famoso per essere stato, tra il 28 agosto ed il 12 settembre 1943, la prigione di Benito Mussolini in seguito all’Armistizio di Cassibile, sino alla sua liberazione avvenuta ad opera delle forze armate tedesche. Oggi è la principale struttura ricettiva dell’omonima stazione sciistica, nonché punto di partenza per l’escursionismo sul versante occidentale del Gran Sasso.

Arrivare in bici, senza fretta e senza l’assillo del tempo massimo, in questo luogo di magia, aldilà dei pensieri politici, è un’esperienza assolutamente da vivere nella vita e da provare sulle orme dei grandi campioni del ciclismo che hanno reso celebre questa salita:  il segmento competitivo del percorso di 215 chilometri è la mitica salita Pantani, dalla Piana di Campo Imperatore fino all’omonimo albergo a quota 2130 metri; sulla regina delle montagne appenniniche nel 1999, Marco Pantani, con un’azione strepitosa, staccò tutti i suoi avversari andando a vincere la tappa e ad indossare la Maglia Rosa.

Gli scenari naturalistici, i borghi storici, le tradizioni e le culture delle genti locali, sono gli ingredienti fondamentali che andranno a comporre la ricetta proposta ponendo come obiettivo primario di valorizzare e far conoscere i nostri territori al mondo puntando su un turismo eco-sostenibile.

Quale migliore mezzo se non la bicicletta per raggiungere tale obiettivo? Non resta che sfidare sè stessi ed essere uno degli eroi di Ride 2 Parks!

A breve sarà attivo il sito internet dell’evento mentre ed è già disponibile la pagina Facebook al seguente link . Clicca “mi piace”

Click to comment

A Travel Outdoor Fest 2019 una esposizione dei marchi più prestigiosi 52

Travel Outdoor Fest 2019 sarà una concentrazione di opportunità ed esperienze uniche per tutti gli appassionati di sport e turismo in natura.

La conferma dei nomi che saranno presenti con una loro esposizione nei padiglioni dell’unica fiera italiana business to consumer (B2C) dedicata al turismo attivo. Nei tre giorni dell’esposizione (inaugurazione venerdì 15 febbraio 2019, chiusura domenica 17), gli appassionati di turismo, utilizzatori di caravan e camper, amanti del plein air, cultori dello sport in natura come running, trekking, arrampicata sportiva, kayak, bicicletta e golf avranno l’opportunità di scegliere come e con quali attrezzature programmare il loro prossimo viaggio, la loro successiva escursione, l’attività perfetta che ancora non hanno realizzato nella propria vita. Tutto questo sarà permesso da una ampia offerta, la migliore che possa esistere, come mai prima d’ora è accaduto, data dalla presenza in Fiera di tutti i migliori marchi di ogni singolo settore.

Tra gli altri, sono presenti a Travel Outdoor Fest:

per il turismo tour operator nazionali ed internazionali, che primeggiano nel loro settore come
Io Viaggio in Camper – Compagnia del Tempo libero – Il Tropico del Camper – L’ottovolante; l’austriaco Gebetsroither International, ma soprattutto sarà presente per il secondo anno la Comunitat Valenciana del Turisme con Costa Blanca e Valencia Region Golf Course Association; tra le destinazioni turistiche del Bel Paese la Valle Camonica, il Consorzio Turistico di Volterra, la Basilicata, alcuni comuni della Toscana tra le province di Lucca e Massa-Carrara, come il comune di Fosdinovo, il Comune di Fabbriche di Vergemoli, Comune di Gallicano e il Comune di Casola in Lunigiana; ci sarà spazio per i Camping i campeggi delle più rinomate località dell’entroterra e del litorale toscano: Siena, Pisa, Firenze, San Gimignano e Vada, città da visitare e da vivere per scoprire le bellezze storiche e naturali della Toscana.

Nell’ambito dei veicoli ricreazionali, sono presenti i produttori più prestigiosi e famosi: da Laika a Blucamp, da Mobilvetta a Trabel, da Rapido a McLouis, da P.L.A. a Elnagh, da Arca Camper a XGO, da Benimar a CI, e poi ancora Font Vendome, Challenger, Eura Mobil, Chausson, Autostar, Roller Team e Rimor; ma gli appassionati avranno anche la possibilità di implementare il prodotto con gli allestimenti personalizzati di Gulliver’s o My Home Autocaravans;

le soluzioni tecniche sono un fiore all’occhiello di questa edizione di TOF con case produttrici come Ceredi, Dimatec, Teleco, Full Energy, Top Group, Sr Mecatronic, GARMIN e FIAT, nomi che non hanno bisogno di presentazione, ma che rappresentano certamente una garanzia di prodotti al top di gamma, che non hanno concorrenza alcuna in tutto il mondo;

lo spazio dedicato alla bicicletta conferma grande attenzione alla qualità con BrinkeBike, Cicli MBM, Biotex, GMA Sport (con marchi come Solex, Matra e EasyBike), Motoshop con il marchio Haibike  ed Ebike Battery con i prodotti che potranno essere testati lungo i tracciati che si snoderanno all’interno dei padiglioni e che saranno costruiti con grande attenzione sì al divertimento, ma anche e soprattutto alla sicurezza di tutti, sia coloro che vorranno effettuare i test, sia il pubblico presente;

e infine nelle 27 postazioni di pratica golfistica, allestite come tutti gli anni al PalaVerdi, vero fiore all’occhiello di una organizzazione e un allestimento quanto mai evocativo, sarà possibile testare le ultime serie di bastoni e ferri da golf di tutti i principali e più famosi marchi mondiali: Callaway, Titleist, Taylormade, Ping, Srixon, Cleveland, Wilson, Honma, Katana.

Non possiamo dimenticare i partner tecnici, tra i quali spiccano: Davines, Biotex, Pasticceria Fraccaro, Sabbie di Parma, Street Golf, Golf Elite, Parma Golf Academy, U.S. Kids golf.

Click to comment

Magistrati sui pedali per sfida alla 24 ore: a Capodanno il cambio quota di iscrizione

Togati pronti a sfidarsi a colpi di pedali alla 24 ore 2019 di Feltre del prossimo 7-8 giugno. Tra le squadre già iscritte a Castelli24h, infatti, c’è anche la “Squadra magica nazionale magistrati” che conterà su togati provenienti da tutta Italia.

Al momento sono già una trentina le formazioni che hanno prenotato il loro posto alla partenza della maratona sui pedali unica nel suo genere in Italia: una staffetta in bicicletta che si disputa a squadre formate da un minimo di 8 e un massimo di 12 atleti che si danno battaglia in un circuito di 1.850mt completamente chiuso al traffico in centro città. Una manifestazione sportiva che sta entusiasmando persino i giudici di gara della Federazione ciclistica che stanno organizzando essi stessi un team molto speciale. In pole position ci dovrebbero essere anche le “formiche” di Fabio Vettori che vedremo sui pedali.

Tra le formazioni iscritte, una decina arrivano dalla provincia di Belluno le altre 20 tutte extra bellunesi, Treviso, Padova, Verona, Bergamo, Lucca, Aosta, Pordenone, Vicenza.

Il giorno di Capodanno decreterà l’aumento della quota di iscrizione alla 24 ore che comunque sia resta chiusa ad un massimo di 100 squadre e 30 “only one”, cioè ciclisti che parteciperanno in solitaria per 24 ore (lista iscritti già chiusa e 13 persone in lista d’attesa nella speranza che si liberi un posto con la rinuncia di uno dei “titolari”).

Tutte le informazioni si trovano nel sito ufficiale www.24orefeltre.it

Click to comment

Tecnologia, innovazione e cura del dettaglio: al Bike Spring Festival c’è Biotex®

Parma – Il padiglione 2 del Bike Spring Festival, in programma dal 15 al 17 febbraio 2019 nel Travel Outdoor Fest – Fiere di Parma, sarà arricchito dalla presenza, per la prima volta, di BIOTEX®, marchio altamente tecnico di abbigliamento intimo sportivo e dalla mission inconfondibile: “Una passione, una missione, una scelta”.

Leader sul mercato, ogni linea prodotto BIOTEX® ha nel suo DNA l’efficacia della fibra BTX in Polipropilene. Una seconda pelle ad altissime prestazioni. Un sottile strato di alta tecnologia che trasforma in energia pura ogni tuo sforzoLa performance sportiva migliora e la temperatura corporea è sotto controllo, in ogni stagione.

Non solo. BIOTEX®, prima azienda italiana ad essersi specializzata nella produzione e sviluppo di abbigliamento intimo sportivo, continua la sua ricerca innovativa per arrivare all’eccellenza creando tessuti che rispettano la naturalità ed il benessere del corpo, grazie al know-how dell’artigianale maglieria italiana.

Tra i suoi prodotti Top:

WIN Technology

La nuova linea esternabile termica di Biotex  (Salopette con fondello e Maglia termica a manica lunga Seamless) è pensata appositamente per il ciclismo (su strada e MTB). Una soluzione innovativa per affrontare le basse temperature. Versatile e confortevole è studiata in ogni minimo dettaglio per offrire totale libertà di movimento, massimo comfort, massima performance e totale assorbimento dell’umidità.

INTIMO A CONTATTO PELLE – LINEA POWERFLEX WARM

La Linea Powerflex Warm, altamente isolante e traspirante, mantiene il corpo caldo e protetto anche in condizioni climatiche estreme. Il Lupetto Limitless è come una seconda pelle, ad altissime prestazioni. Aderenza anatomica e flessibilità della trama per una totale libertà di movimento, grazie anche alla totale assenza di cuciture.

TECNOLOGIA 3D CAPTURE DI BIOTEX

Innovazione & Tecnologia per una miglior performance! La singolare struttura interna delle fibre, a forma di alveolo, catturano l’aria all’interno, permettendo di trattenere il proprio calore corporeo e riducendo la superficie di contatto tra pelle e tessuto. La tecnica innovativa sfrutta così la naturale capacità dell’aria come isolante termico. Il Lupetto termico 3D è il primo capo concepito e realizzato interamente utilizzando questa tecnologia.

LANA MERINO EXTRAFINE

Un perfetto connubio fra natura e tecnica. Un mix tra Lana Merino, per assicurare calore e Polipropilene, per garantire la massima traspirazione. Fanno parte della Linea in Lana Merino, la maglia a manica lunga intima a contatto pelle, il sottocasco, il paracollo e i calzini. La struttura speciale del filato Merino extrafine con doppia torsione mantiene i piedi caldi e asciutti, assicurando zero pilling effect.

Click to comment

We Are Santa: domani mattina a Bologna l’evento benefico

Sarà nella mattinata di domani che Bologna si riempirà di Babbi Natale in bicicletta.
La Ciclistica Bitone anche nel 2018 fa parte degli organizzatori di We Are Santa che si ripete per il terzo anno consecutivo nella nostra città.
L’evento è aperto a tutti coloro che muniti di una qualunque bicicletta, il casco e il tradizionale costume rosso di Babbo Natale vorranno far parte del gruppo.
La carovana rossa, scortata dalla Polizia Municipale, partirà da Piazza Galvani alle ore 9:00 per poi sostare in Piazza Maggiore, per le foto di rito, e proseguire verso il primo ristoro presso il Centro Commerciale Andrea Costa.
Dopo la sosta chi vorrà e avrà le forze per farlo, potrà salire a San Luca dove terminerà la biciclettata dei Babbi Natale con il brindisi di auguri.
Il costo dell’iscrizione è di 5,00 euro che saranno devoluti interamente in beneficenza alla Cardiochirurgia Pediatrica dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna. Chi non ha effettuato la preiscrizione nei giorni scorsi potrà farlo iscriversi domani e ritirare il Welcome Kit dalle ore 8:30 in Piazza Galvani.

Click to comment

La SBT Team saluta la stagione 2018 e guarda ai giovani

A Porto d’Ascoli ha avuto luogo presso il ristorante Papillon la festa di fine stagione della SBT Team con una serata di ringraziamento a tutti coloro che hanno permesso al sodalizio truentino amatoriale di portare a termine la stagione con un bilancio estremamente positivo in termini di partecipazione in tutte le manifestazioni più rappresentative del panorama amatoriale del Centro Italia.

L’occasione per interagire e creare la sinergia necessaria tra il direttivo e gli atleti che andranno a difendere i colori nero e azzurri per la prossima stagione.

Per la società amatoriale truentina presieduta da Angelo Menghini, la vera novità è il sostegno dell’attività agonistica giovanile a fianco del Pedale Rossoblù Picenum di Alessio Marcozzi e del Pedale Rossoblù Truentum di Paolo Corradetti (team giovanile di nuova costituzione in Abruzzo): una sinergia che consente alle tre realtà ciclistiche in loco di portare avanti progetti ed alimentare nuovamente la fiamma della passione per le due ruote che ritrova terreno fertile a San Benedetto del Tronto.

Nel corso della cena sono state definite le linee guida per la nuova stagione ed anche la partnership con la Granfondo San Benedetto del Tronto e l’Asd Bicigustando di Sonia Roscioli allo scopo di poter fare il salto di qualità nell’immagine.

La pedalata natalizia da San Benedetto del Tronto a Loreto in programma domenica 23 dicembre (partenza domani mattina alle 8:00 da Piazza Giorgini) è il tradizionale congedo stagionale per poi gettarsi a capofitto sul 2019 da preparare e da affrontare nel migliore dei modi.

Click to comment

Feste in sella per il Pedale Elettrico, prende forma il 2019

NataIe e le lunghe feste invernali sono alle porte, ma in casa Pedale Elettrico si lavora già alacremente per allestire un 2019 a tutta sui pedali. Nei giorni scorsi i ragazzi hanno ricevuto le bici da Bike Evolution by Giannini e si sono già tenuti due raduni collegiali.

«Hanno ricevuto tutti le bici e i materiali – spiega il team manager Tommaso Elettrico – ci siamo incontrati nel weekend e abbiamo fatto conoscenza reciproca. I ragazzi stanno facendo amicizia e il gruppo si sta cementando. Come base della preparazione siamo usciti a camminare a piedi, tutti insieme».

Il Reparto Corse 2019 sarà costituito da 9 atleti e 4 atlete e altri tra appassionati, sponsor e amici che hanno vissuto l’avventura del Pedale Elettrico sin dal primo giorno.

«In questi giorni di festa cogliamo l’occasione per augurare a tutti i nostri sostenitori la serenità di un Natale trascorso in armonia – conclude il presidente Lucarelli – e un 2019 sportivamente carico di emozioni…elettriche!».

#pedalaconnoi #elettrizzati #elettriciinfesta #augurielettrici

Click to comment

Global Cycling Network lancia GCN Italia, un nuovo canale in italiano presentato dall’ex professionista Alan Marangoni

Bath, UK: Play Sports Group (PSG) è orgogliosa di annunciare il lancio del suo ottavo canale, GCN Italia, il secondo canale del gruppo non in lingua inglese dopo GCN en Español, lanciato a luglio di quest’anno. Questo nuovo canale interamente in lingua italiana attrarrà molti appassionati in una delle nazioni tradizionalmente più legate ed importanti nel mondo del ciclismo e rappresenta un’altra pietra miliare nell’espansione di PSG, continuando il processo di internazionalizzazione del proprio business ciclistico.

A guidare il team di GCN Italia c’è l’ex ciclista professionista Alan Marangoni, che ha corso ai massimi livelli dello sport per 10 anni in squadre UCI WorldTeam come la Liquigas – Cannondale, così come in squadre UCI Professional Continental come la Colnago-CSF Inox e la Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini, dove quest’anno ha chiuso la propria carriera.

Negli anni da pro Alan ha corso sette grandi giri, completando il Giro d’Italia cinque volte ed il Tour de France e la Vuelta a España una volta ciascuno. Ha lavorato come gregario per alcuni dei più grandi nomi del ciclismo mondiale: Peter Sagan, Vincenzo Nibali, Elia Viviani e Ivan Basso tra i vari. L’unica vittoria da professionista di Alan è arrivata nell’ultima corsa della sua carriera, chiusa in bellezza quest’anno con il successo al Tour di Okinawa.

Noto passista, la sua capacità di sacrificarsi e lavorare duramente per i compagni gli ha permesso di competere in corse e su percorsi di tutti i tipi in tutto il mondo e di pedalare accanto a corridori delle più svariate nazionalità e squadre. La sua conoscenza del ciclismo professionistico è ampia, così come le sue relazioni nel mondo dello sport.

La passione di Alan per le due ruote fa si che abbia colto al volo l’opportunità di presentare GCN Italia per mostrare a tutti il meglio del ciclismo grazie al suo rapporto unico con squadre, corridori, organizzatori e aziende: Alan ha inoltre un particolare rapporto con i tifosi, grazie al suo celeberrimo fan club che lo ha seguito in questi anni sulle strade del ciclismo.

Il presentatore di GCN Italia Alan Marangoni ha detto: “Sono molto orgoglioso ed emozionato di entrare a far parte di GCN Italia. Non vedo l’ora di pedalare in ogni angolo d’Italia e di comunicare con tutti i tifosi, di cui conosco la grande passione per il nostro sport. E poi chissà, presto potrebbero esserci altri presentatori accanto a me in quest’avventura…”.

Simon Wear, Fondatore ed Amministratore delegato di Play Sports Network, ha detto: “Dopo il successo del lancio di GCN en Español era mia precisa intenzione lanciare GCN Italia, vista la grande storia del ciclismo italiano ed i rapporti di amicizia che abbiamo con alcuni dei più grandi marchi di ciclismo in Italia come RCS Sport, fi’zi:k, Selle Royal, Colnago, Pinarello, KASK, FSA, Santini SMS e molti altri.”

La presenza sul mercato italiano di Play Sports Group è molto importante ed al momento sta reclutando altri presentatori per affiancare Alan su GCN Italia, oltre che cercando altri professionisti di lingua italiana per supportare la crescita del canale e dell’azienda in questo settore in crescita.

Il video teaser di GCN Italia è in onda da oggi, mentre la programmazione regolare partirà dal 1 gennaio 2019.

Video trailer GCN Italia

Video trailer GCN Italia in inglese

Sin dal proprio lancio, GCN ha cambiato i confini dei media di ciclismo portando i fan dietro le quinte del gruppo e dentro i segreti delle aziende manifatturiere, ha filmato in gallerie del vento e sulle salite storiche di tutto il mondo. GCN Italia avrà contenuti originali in italiana e programmi equivalenti in lingua italiana di GCN come il GCN Italia Show.

 

Click to comment

Da Velofollies al Giro d’Italia: sarà un 2019 ricco di novità per MICHE

Il 2019 si appresta ad essere un anno ricco di novità per Miche. A partire dalla celebrazione del centesimo anniversario nel mondo del ciclismo, passando per la nuova veste grafica, presentata ad Eurobike 2018, che sarà declinata a tutti i prodotti della gamma e che rilancia la comunicazione aziendale con un messaggio più giovane, dinamico e inclusivo. Si rafforza la presenza Miche fra i professionisti: continua la collaborazione con Caja Rural professional continental spagnola che correrà (oltre al calendario internazionale UCI pro-continental) anche la Vuelta Espana 2019, a cui si aggiunge per la stagione 2019 anche il team Androni Giocattoli professional continental italiana di lungo corso che, in quanto vincitrice della Coppa Italia 2018, sarà invitata al Giro d’Italia 2019.

Non mancheranno le partecipazioni ai principali eventi di settore tra cui Velofollies ed Eurobike. Primo appuntamento da non perdere sarà proprio la fiera belga, principale canale internazionale per la presentazione dei prodotti sia b2b che b2c, in programma dal 18 al 20 Gennaio 2019 a Kortrijk.

Allo stand 116B, 116C Miche presenterà alcuni dei propri prodotti di punta per i settori strada, mountain bike, e-bike, settore in cui l’azienda sta investendo molto incrementando la propria linea di prodotti dedicati ed ampliando la gamma e l’offerta per ricoprire tutte le esigenze.

Per professionisti ed appassionati della strada Miche presenterà la collezione top di gamma Supertype, proposta da quest’anno nella versione con freni a disco per tubolari e nell’assoluta novità per copertoncino. Una gamma completissima che si declina nel vari modelli per offire al professionista ed al ciclista più esigente la scelta più consona al tipo di utilizzo.

Supertype con Freni a disco

Le Supertype 440 RC DX per copertoncino hanno un profilo di altezza 40mm tubeless ready e sezione 17mm, mentre le Supertype 338 T DX per tubolare sono proposte con cerchi con profilo anteriore e posteriore 38 mm, caratteristiche che garantiscono le migliori performance all round.

I cerchi sono realizzati in fibra di carbonio con una apposita laminazione che permette di sopportare gli stress meccanici dovuti dalla frenata “disc brake”, elevata rigidità e pesi contenuti, ma soprattutto eccellenti perfomance in termini di guidabilità, ma anche ridotti spazi di frenata sia sull’asciutto che sul bagnato grazie al sistema di freno a disco.

Per entrambe le versioni con tubolare o copertoncino, i raggi sono montati con pattern 14+7 sia anteriore che posteriore per una maggiore resistenza strutturale e reattività

I mozzi Supertype DX di nuova concezione hanno il corpo costruito in AL 7075 T6 con flange maggiorate, e sono proposti in configurazione standard per perni passanti TX 12. Una soluzione tecnica esclusiva Miche è la ghiera di registrazione del movimento sia all’anteriore che al posteriore, permettendo così una costante regolazione ed una semplice gestione della scorrevolezza delle ruote. Il corpetto ruota libera, disponibile sia per compatibilità Shimano che Campagnolo) è prodotto in AL 7075 T6 e titanio ed è facilmente intercambiabile.

Con queste raffinate caratteristiche costruttive l’intera gamma Supertype offre prestazioni  al vertice di categoria sia in termini di peso che di caratteristriche tecniche e al contempo cura la veste estetica: tutti i modelli sono infatti disponibili in due opzioni cromatiche in livrea bianca o nera per un perfetto abbinamento ai colori della bicicletta. Tra le novità proposte nel settore mountain-bike spicca il pacco pignoni MTB XM a 11 e 12 velocità, ormai sempre più richiesta dai bikers per la possibilità di rendere più performante la pedalata.

Cassetta a 11 e 12 velocità

Miche propone le nuove cassette MTB XM a 11 e 12 velocità. Le cassette XM sono prodotte interamente nello stabilimento Miche utilizzando le conoscenze e la tecnologia sviluppata con successo negli anni dall’azienda per i prodotti dedicati all’utilizzo strada.

I pignoni in prima posizione e pignoni innesto sono in acciaio cromato con finitura opaca, mentre le due cassette si differenziano peri pignoni in ultima posizione, ottenuti dal pieno in AL 7075 T6 con anodizzazione “HT – Hard Treatment” dura delle ultime tre posizioni per la compatibilità a 12 velocità, e delle ultime due posizioni per la XM 11 Speed.

La configurazione proposta a 11v è 11-46 mentre per le 12 velocità è 11-51: ambedue le cassette sono compatibili con corpetto Shimano 10/11V, ma funzionano sia con il cambio Shimano 11V, che con il cambio Sram 11V/12V. I nuovi ed innovativi sistemi di trasmissione Miche soddisferanno il sempre più crescente mercato delle e-bike, per i biker sempre più esigenti, alla ricerca di componenti di prima qualità.

 Pedivella XMH

Cura estetica, leggerezza unita a caratteristiche strutturali dimensionate per lo specifica applicazione su E-Bike fanno della pedivella XM-H un prodotto dedicato al biker esigente che voglia personalizzare la propria E -bike con componenti di qualità.

La serie pedivelle XM-H è realizzata interamente in alluminio forgiato e lavorata a CNC.

Compatibile con sistemi Yamaha, Bosch, Polini e con perno con specifica Isis offre  una  ampia scelta  nelle lunghezze disponibili: 165mm, 170mm, 175mm. Il biker può cosi scegliere in base alle proprie caratteristiche morfologiche e alla cadenza di pedalata la lunghezza più adatta.

Ingranaggio e-bike 104

L’ingranaggio E-Bike 104 è stato appositamente progettato da Miche per utilizzo su E-bike con guarnitura ad un unico ingranaggio. È realizzato in acciaio lavorato a CNC ed è disponibile nella misura 38 denti, compatibile con i sistemi con 4 punti di fissaggio e giro bulloni BCD 104mm. Può essere utilizzato sia con il paracatena specifico in alluminio modello E-bike 104 di Miche che con eventuale carter di protezione.

 

 

Click to comment

Presentata la stagione 2019 del Team Go Fast

Tante attività portate avanti in Italia e all’estero, 21 gare vinte nel 2018, circa 80 tesserati per lo più abruzzesi, tra questi i plurivittoriosi Manuel Fedele, Davide D’Angelo e l’atleta paralimpico Addesi Pierpaolo.

Numerose le manifestazioni alle quali partecipano ogni anno e che organizzano. Si tratta del Team Go Fast, società ciclistica di Roseto degli Abruzzi, presieduta dal presidente Andrea Di Giuseppe e dai suoi collaboratori Milanesi Marco, Enzo Pierabella e Centorame Gabriele, il cui calendario di appuntamenti per il 2019 è stato presentato ieri pomeriggio nell’Hotel Felicioni di Pineto alla presenza di numerosi ospiti, tra questi anche l’ex rettore dell’Università degli Studi di Teramo Luciano D’Amico, il sindaco di Pineto Robert Verrocchio e i presidenti dei vari enti della Regione Abruzzo.

Un team attivo su più fronti che continua a dimostrare grande attaccamento al territorio. Nel 2016 e nel 2017, tra le altre cose, a Pineto ha organizzato il ritiro della nazionale paralimpica e per il 2019 sono stati annunciati tanti appuntamenti come il secondo trofeo Gls a Scerne di Pineto, gara per categoria Allievi, la terza edizione della gara amatoriale “Aspettando Lu Callarò” che si terrà nella penultima settimana di ottobre e tante altre.

 

Click to comment

La stagione 2018 va in archivio per il Pedale Godiaschese

Riceviamo e pubblichiamo il resoconto della stagione 2018 del Pedale Godiaschese. Un team che mette al primo posto la passione e la condivisione della pratica di questa entusiasmante attività sportiva.

Godiasco Salice Terme (Pavia) – Venerdì 30 Novembre, in occasione della tradizionale cena Sociale, una grande festa insieme a tutti gli atleti con i propri famigliari ed amici, si ufficialmente conclusa un anno particolarmente ricco di soddisfazioni sia sul piano dei risultati sportivi che organizzativi. È stata anche un’occasione per riassumere in breve quanto ottenuto durante il 2018.

MTB. La prima soddisfazione arriva a Marzo con la conquista della maglia di Campione Provinciale CSAIN da parte del neo “acquisto” Sara Mossolani che, in quel di Motta Visconti (MI) su un percorso reso proibitivo dalle avverse condizioni meteo,si aggiudica  il prestigioso titolo. Ma Sara si riconfermerà durante la stagione in molte altre competizioni riservate alle “ruote grasse”, vincendo altre gare e piazzandosi in ottime posizioni finali. A queste manifestazioni buoni risultati anche per Claudio Malinverni, Mauro Dellagiovanna e Guglielmo Ciannella.

STRADA.  A fare da protagonista in queste discipline veloci, circuito o in linea, sono stati Andrea Menini che insieme ad Alberto Merli hanno partecipato ad oltre 50 competizioni sparse in vari siti del Nord Italia. Ricordiamo ad esempio che Andrea ha vinto la classifica finale riservata alla categoria JUNIOR al Giro del Oltrepò aggiudicandosi la maglia di leader, è giunto secondo al Campionato del Mondo riservato alla categoria nel bresciano, si è aggiudicato 6 vittorie assolute ed oltre 20 piazzamenti nelle prime cinque posizioni, senza tralasciare le Mediofondo, con il 3°posto assoluto alla GF Valli d Oltrepò a Salice Terme ed il 2° assoluto alla GF di Casteggio.
Alberto Merli ha conseguito ottimi risultati sempre tra i primi 5 di categoria (oltre 15) ed un gratificante 4° posto assoluto alla GF di Novi Ligure nel percorso corto. Alberto è il secondo anno che corre con i colori del Pedale, e  in assoluto. Quindi, risultati sicuramente di prestigio.  Elencare anche chi ha partecipato a queste gare è doveroso: Claudio Scarzanella, Severino Giacobone, Tommaso Barberis, Mauro Dellagiovanna, Federico Chiapparoli, Claudio Malinverni, che hanno portato i colori bianco/celesti sulle strade di molti circuiti. Una menzione speciale a Luigi Vizzi (Super GentlemanB) che ha partecipato al Giro di Sardegna.

Granfondo e Mediofondo. Il Team nel 2018 ha partecipato con un considerevole numero di iscritti al  challenge di Coppa Piemonte, e ringraziamo a tal proposito Giancarlo Arpesella e Luciano Maragna per aver partecipato ai percorsi lunghi delle Granfondo e a Guglielmo Ciannella, Elio Gerardo, Filippo Contardi, Matteo Caffarone, Laura Ferrari, Adriana Bagnoli, Carla Baljon, Alex Andrini, Severino Giacobone, Claudio Scarzanella, Carlo GalboniAlberto Merli, Attilio Scibaldi per i percorsi della Mediofondo.  Alla luce di questo sono stati raggiunti due prestigiosi traguardi: l’ 8° posto tra le donne di Carla Baljon e il 10° posto finale nella classifica generale riservata ai team per la Società ( su oltre 260 Società iscritte ).
Partecipazioni a prestigiose GF Internazionali come la Nove Colli di Cesenatico e la Maratona dles Dolomites Enel di Corvara (Carlo Galboni e Giacomo Zanon) o la Alê Merckx di Verona e la San Gottardo ad Ambrí -CH- (Andreas Lüthi). Tra le altre GF citiamo la Sant’ Angelo, la Top Dolomites Granfondo a Madonna di Campiglio, la Granfondo Penice, e molte altre.

Organizzazione. Come si diceva, il 2018 è stato un anno molto attivo. Sono state 6 le gare organizzate tra circuito, cicloscalate e cronoscalate. Cinque di queste sono state inserite nel calendario del “Trofeo dello Scalatore” CSAIN Provinciale, dove Claudio Malinverni e Daniele Malinverni si sono aggiudicati rispettivamente il 2° ed il 3° posto nella classifica finale categoria Gentleman 1. Ricordiamo la vittoria assoluta in solitaria alla Voghera-Brallo di Andrea Menini.
Insieme a Matteo Gatti del Team Ciclismo Oltrepò, il Pedale Godiaschese ha organizzato la quarta prova inserita nel calendario di Coppa Piemonte Strada: La Granfondo Valli d’Oltrepò. Un lungo percorso organizzativo con uno sforzo notevole sul piano fisico e mentale e che grazie al contributo di coloro che hanno partecipato alla realizzazione, si è conclusa con un buon risultato, tenendo presente che era la prima esperienza in questo campo e tutto è sicuramente migliorabile in futuro.

Stagione 2019. Per la stagione che arriva gli obbiettivi restano immutati: confermarsi e migliorare sempre, tenendo presente due fattori: promuovere il ciclismo come sport sano e di aggregazione e valorizzare i singoli e soprattutto il gruppo, in ogni forma positiva possibile. Per noi “Fare Gruppo” è importante. Senza questo è difficile raggiungere e realizzare certi risultati.  Vogliamo salutare, ringraziare e dare un grande “in bocca al lupo” ad Andrea Menini che nel 2019 vestirà altri colori, ma che resterà nel nostro albo e soprattutto nei nostri cuori.
Tutti sono importanti  all interno della Società, ma lasciateci dire che il vero motore sono le nostre Pedaline. Si, con il loro entusiasmo, il loro aiuto, la loro determinazione, hanno fornito e forniscono una linfa vitale e determinante anche al di fuori delle singole competizioni agonistiche. Sono il nostro fiore all’ occhiello. A Laura Ferrari, Mimma Trupia, Lucia Bongiorni, Adriana Bagnoli, Carla Baljon, Patrizia Pollini, Sara Mossolani va il nostro ringraziamento speciale.
La stagione 2019 vedrà ancora in calendario le classiche gare quali il Memorial Daglia ( circuito), la Cicloscalata Voghera-Brallo e le altre cronoscalate tra cui la riconferma dell’apprezzata San Desiderio-San Giovanni.
Ma la novità assoluta sarà la nascita della prima edizione de la “Randonne delle 4Regioni” che il Pedale Godiaschese in collaborazione con il Team Ciclismo Oltrepò organizzerà per il 28 Luglio a Salice Terme. Brevetto A.R.I. con 4 percorsi, da 85 km a 302 km,  e altre sorprese in programma. Tutte le info e le news saranno comunicati sui nostri canali social.

Conclusione. Si potrebbe terminare con una frase a noi molto cara: ” IL PEDALE SIETE VOI”.
Si, perché tutto quello fino ad ora conseguito molto è dipeso da tutti coloro che fanno parte o orbitano attorno alla Società: atleti, soci, amici.
Ringraziamo anche i tesserati che indossano e portano con orgoglio i colori della Godiaschiese un po ovunque nel mondo, come ad esempio Marco Ossanna (NY- Usa) e Andreas Lüthi ( Svizzera).
Ringraziamo i nostri sponsor e collaboratori che ci sostengono da anni o  in modo occasionale, ma sempre disponibili. Grazie all’Amministrazione Comunale di Godiasco Salice Terme nella persona del Sindaco Geom. Fabio Riva e di tutti gli Assessori e Consiglieri.
Concludiamo porgendo i nostri migliori auguri di Buone Feste a tutti, dandoci appuntamento sulle strade del 2019, a partire dalla nostra prima uscita ufficiale il 6 gennaio a Spotorno (Sv) per la Randobefana.

 

Click to comment

Il ruggito di Giampaolo Busbani

Ancona – Fino al 2009 è stato un calciatore, avendo militato in Prima e Seconda Categoria e indossato le maglie di Montefano, Castelbellino, Staffolo e Victoria Strada. Appese le scarpette al chiodo si è dedicato a tempo pieno al ciclismo, collezionando vittorie in serie: nella stagione appena terminata si è imposto ad Ancona, Bologna, Milano e Varese e si è piazzato al secondo posto al Mondiale a cronometro. Stiamo parlando di Giampaolo Busbani, 45 anni, ciclista di spicco della Cicli Copparo che ha mandato in archivio un 2018 ricco di soddisfazioni.

  • Come è nata la sua passione per il ciclismo?

«L’ho sempre coltivata, anche se da giovane ho dato priorità al calcio. Dal 2004 ho svolto entrambi gli sport e da nove anni vado solo in bicicletta».

  • Quante ore si allena al giorno?

«Monto in sella almeno quattro volte a settimana per una media di quattro ore quotidiane. In passato ho avuto la fortuna anche di allenarmi insieme a Michele Scarponi, la cui morte ha lasciato un segno profondo in me non solo dal punto di vista del campione ma soprattutto dal lato umano».

  • Da quanto tempo milita nella Cicli Copparo?

«Dal 2017. Ho iniziato con la Rimini Mobili di Appignano, poi diventata Giuliodori, fino a quando ho deciso di trasferirmi per essere maggiormente competitivo. Col senno del poi dico che se avessi effettuato prima questa scelta probabilmente mi sarei tolto più soddisfazioni nel periodo in cui ero nel pieno della forma».

  • Come si trova alla Copparo?

«La considero una grande famiglia. Merito di Raffaele Consolani e Teodoro Gaudenzi che hanno dato un’identità precisa al team e uno spirito di appartenenza a tutti i corridori. Porto sempre l’esempio della Leopardiana a Recanati di qualche mese fa, vinta da Pozzetto grazie al lavoro del collettivo. Ho ottimi rapporti con gli altri componenti del club, specie con Gioia Chiodi, Andrea Antoni, Valentino Spaccia e Francesco Faggi, che si allenano con me e mi chiamano il capitano della Vallesina».

  • Quale vittoria della stagione appena conclusa le ha regalato la gioia più grande?

«Il trionfo alla Dieci Colli di Bologna, una delle gare più importanti per la difficoltà della corsa e la presenza di corridori di assoluto livello».

  • E la delusione maggiore?

«Il secondo posto al Mondiale a cronometro di Varese. Ero sicuro di vincere nella mia categoria M5 e invece non è stato sufficiente il quarto tempo assoluto per alzare le mani al cielo. Forse ho pagato la bicicletta non troppo competitiva, ma per il prossimo anno mi sono attrezzato con una eccellente».

  • Obiettivi per il futuro?

«Aggiudicarmi il Mondiale che rimane il mio sogno. Darò tutto per riuscirci».

 

Seguici sul profilo Facebook ASD Cicli Copparo (@asdciclicopparo)

Click to comment

LaClassica: quando la passione del Ciclismo si fonde con la Moda

Se sei un ciclista come noi, conosci molto bene l’impegno richiesto per pianificare un viaggio e la costante sfida con noi stessi per raggiungere il traguardo.
La nostra passione ci porta sempre a scegliere luoghi sperduti, incontaminati, mettendo però in secondo piano il comfort!
Prima di partire un ultimo check alla bici e siamo pronti per affrontare ogni situazione, ogni tipo di strada e di salita, ma quante volte ci è capitato di non aver controllato e dato importanza all’abbigliamento?
Il dubbio ricade sempre su come vestirsi in base al meteo: abbiamo tutto per affrontare le temperature e le condizioni del momento?”
Scopri la linea abbigliamento ciclismo LaClassica
Click to comment

To Top